sabato 27 febbraio 2016

GITA A BERLINO: PRIMA PARTE!



Ieri, il 26 febbraio, ricorreva la data della mia prima gita all'estero, in quinta superiore, durata cinque giorni, a Berlino, in Germania! Per me è stato un evento importante anche se non sono andata in un luogo lontano migliaia di chilometri come l'Australia ma solo a un paio di ore di distanza dall'Italia. Forse questa prima gita europea rimarrà sempre stampata bene nella mia mente perché per la prima volta sono salita su un aereo (esperienza per niente traumatica per una ragazza che soffre il mal d'auto eccetto per le turbolenze sulle Alpi, che hanno fatto ballare l'aereo come una boccetta di smalto, quando la scuoti per passarti lo smalto sulle unghie,

ma quello che ricorderò per sempre è il freddo berlinese. A febbraio si è in pieno inverno, non proprio il periodo perfetto per organizzare una gita, ma i prezzi sono più accessibili e se noi studenti ci saremmo tramutati in pupazzi di neve pazienza... Quindi oggi vi voglio descrivere la prima puntata della mia gita Berlinese. Ricapitolando: siamo partiti alle 2:00 di notte prendendo l'autobus per andare all'aeroporto di Malpensa a Milano e dopo la trafila per l' imbarco (ho saltato il delirio per la preparazione del bagaglio a mano, altrimenti sarei ancora qui a imprecare contro coloro che hanno scritto le regole riguardo i prodotti da inserire in valigia) finalmente saliamo sull'aereo che in un paio di ore ci porta a Berlino! Appena arrivati all'aeroporto inizia l'esodo tra pulman, metropolitane e lunghi tragitti a piedi per raggiungere l'albergo! Non avendo dormito la sera prima e chiudendo solo un occhio in aereo, capite che non sprizzavo energia da ogni poro ma quello che mi aspettava non me lo avrei mai immaginato! Finalmente giungiamo in hotel, l' Upper Room Hotel, un hotel classico e imponente a tre stelle. La prima impressione che ho avuto è che era un ottimo alloggio per soggiornare a Berlino dato i prezzi non alti. In più era in una posizione centrale a soli pochi passi dalla stazione della metro Kurfürstendamm e solo a 6 km dal centro di Berlino! Ecco il maestoso ingresso centrale!

E subito ci arriva la sorpresa: non tanto che la reception è all'ultimo piano dell'hotel (e chi deve prendere le chiavi deve fare quattro rampe di scale) ma che le stanze non erano ancora pronte! Così mollate le valigie al loro destino, con borsa, cellulare e macchina fotografica, usciamo a visitare Berlino e soprattutto A PRANZARE (non ci vedevo più dalla fame come dice la pubblicità della Fiesta) ! Ci dirigiamo a Posdarmer Plazt, nella piazza di Potsdam, il cuore di Berlino che durante le due guerre mondiali è stata distrutta e in seguito divisa dal muro! Oggi sorgono enormi grattacieli e delle stupende installazioni di orsi, il simbolo di Berlino. Inutile dire che appena le ho viste, lo stomaco ha smesso di brontolare e i miei occhi sono diventati a forma di cuoricino❤ neanche mi fossi imbattuta in cuccioli di orsacchiotti veri! Ho costretto una mia amica (una santa, ahah) a farmi delle foto accanto a questi plantigradi e il risultato? Tante foto scattate da ogni angolazione possibile, eccone alcune!

Finalmente dopo lo shooting fotografico improvvisato, ci dirigiamo a mangiare in un ristorante tedesco e parlando inglese, insieme con altre mie amiche, riusciamo ad ordinare una focaccia! Nulla di speciale ma almeno la fame era svanita! Ero rifocillata e felice! Dopo la pausa pranzo, visitiamo il Sony Center, il quartiere generale della Sony, ma prima passiamo davanti al Legoland Discovery Centre, dove ci imbattiamo in una giraffa (vedi foto)








tutta costruita minuziosamente con i lego, un autentico capolavoro di mattoncini!❤ Una meraviglia! Poi entriamo nel Sony Center sotto una tenda dove si stagliano edifici di vetro ed acciaio (vedi foto)
che creano degli splendidi effetti di luce. Un autentico gioco di specchi! Usciamo dal Sony Center e continuiamo a camminare dirigendoci verso la Filarmonica di Berlino, edificio dalla forma molto particolare e dai colori vivaci
che ospita la Berliner Philharmoniker, una tra le più prestigiose orchestre sinfoniche del mondo. Poi andiamo a visitare la Neue Nationalgalerie una casa di vetro realizzata da Mies Van Der Rohe, dove viene esposta l'arte moderna, ma purtroppo è chiusa! Anzi completamente deserta, avevano tolto tutti i quadri! Curiosando nei dintorni ci imbattiamo in una singolare scultura e ci sediamo lì accanto!
Lì io e la mia classe facciamo alcune foto ricordo, ma non abbiamo neanche il tempo di riposarci che dobbiamo rincamminarci. E così giungiamo al Holocaust- Mahnmal, il memoriale degli Ebrei vittime dell'Olocausto, una grandissima distesa di stele, particolarissima e molto suggestiva. Soprattutto se ti addentri nel dedalo di questo labirinto. Un'esperienza unica, grazie ai particolari giochi di luci e ombre!
Dopo una sosta ci imbattiamo in uno dei monumenti più celebri di Berlino e io a questo punto mi chiedo quanto sia enorme Berlino, è di una vastità impressionante, ma io ero solo all'inizio del percorso! Comunque giungiamo davanti alla porta di Brandeburgo (Brandeburg Tor) sovrastata in cima dalla Quadriga della Vittoria. Il sole stava tramontando così ho avuto opportunità di scattare questa foto con una luce particolare. Dal vivo la porta sembra altissima e sotto c'è un continuo crocevia di persone!
Stava quasi giungendo la sera ma i prof non stavano arretrando di un passo nonostante la nostra stanchezza (quanta caffeina avevano assunto? Mah mistero..) e con un ultimo sforzo arriviamo davanti al Duomo di Berlino (vedi foto), ultima meta della nostra prima dinamica giornata tedesca a Berlino!



Dopo essere tornati in hotel ed esserci un attimo resi presentabili, scopriamo che la nostra serata non è finita, perché il ristorante si trovava fuori dall'albergo! Quindi vi avviso: se non volete uscire di sera, nel gelo berlinese, per uscire a cenare, questo hotel non fa per voi! Finalmente trovato il ristorante, io sbrano un bel piatto di wurstel e patate arrosto (siamo in Germania, no?) e penso che dopo tutto questo girovagare me lo sono proprio meritato! La prima parte del viaggio a Berlino è conclusa, se volete sapere cosa ho combinato i giorni seguenti, non perdetevi il prossimo post!

13 commenti:

  1. Cara Vanessa, ne sono sicuro, ti rimarranno dei ricordi che non dimenticherai mai più...
    Ciao e buona domenica cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, mi rimarranno dei ricordi indelebili! Buon inizio settimana Tomaso!

      Elimina
  2. Ciao Vanessa, mi piace molto il tuo reportage di viaggio, attendo la prossima puntata, a presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Carmen!❤ Certo la sto scrivendo, presto la pubblicherò! Bacini!

      Elimina
  3. Non sapevo andassi ancora a scuola xD Comunque molto carino il reportage, anch'io dovevo andare a Berlino con degli amici dello scambio, però alla fine erano 6 ore notturne in bus, quindi siamo rimasti qui in Polonia xD
    Petralia Alaskana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho finito la scuola, mi sono diplomata a luglio dell'anno scorso! Grazie Petralia, sì andare a Berlino in bus deve essere molto faticoso, noi dall'Italia, dovevamo fare 10 ore di pullman, per fortuna siamo andati in aereo! Quindi abiti in Polonia, non lo sapevo! A presto!❤

      Elimina
  4. Attendiamo la seconda parte! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora alla prossima puntata! Presto la pubblicherò!

      Elimina
  5. Ciao
    mi piace il primo reportage su Berlino. Belle le fotografie. Ma che bell'orso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! Ti ringrazio, ne ho fatte tantissime di foto!❤ L'orso era stupendo, me ne sono innamorata! A presto!

      Elimina
  6. È sempre bello effettuare il primo viaggio in aereo,perché ti lascia emozioni uniche❤️ Poi le gite scolastiche lasciano sempre un bel ricordo!! Anche io sono stata a Berlino come gita dell'ultimo anno,in realtà dovevamo andare in Tunisia,ma ci fu un attentato poche settimane prima della prenotazione e quindi per ovvie ragioni non andammo. A me personalmente Berlino non mi è piaciuta come città,molto grigia,questa confusione architettonica tra palazzi super
    moderni e altri molto vecchi..mi ha dato l'impressione di una città stanca e triste...dato che le città che preferisco in assoluto sono Roma e Parigi, Berlino non mi ha trasmesso proprio nulla...poi c'è gente che dice che è bellissima,come si dice,ognuno ha il suo pensiero!!😊😊

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia 😍 ricordo che la mia classe fu l'unica del liceo a non fare la gita di quinto all'estero perché alla maggior parte dei miei compagni non piaceva la meta (AUSTRIA, ti rendi conto?), i rimasi malissimo 😢 deve essere stata un'esperienza meravigliosa

    RispondiElimina