martedì 8 marzo 2016

ELIZABETH, LIESEL E RYAN : TRE GRANDI EROINE CINEMATOGRAFICHE

OGGI È LA FESTA DELLA DONNA!! AUGURI A TUTTE VOI RAGAZZE!❤ Come festeggia Gattaracinefila questa questa festa?

Omaggiando le grandi figure femminili cinematografiche che a mio parere sono state rivoluzionarie. Prima però volevo ricordare che questa festa non è stata istituita per ricordare un incendio che uccise centinaia di operaie di una fabbrica a New York l’8 marzo 1908. Infatti l'incendio non avvenne, ma esplose il 25 marzo del 1911 nel quale morirono 140 persone, soprattutto donne immigrate italiane ed europee. Ma questo non fu davvero all’origine della festività, anche se l’episodio divenne uno dei simboli della campagna in favore dei diritti delle operaie. Tutto ebbe inizio nel 1909, quando il Partito Socialista americano organizzò una festa per sostenere le donne stavano lottano per il loro diritto al voto. Ma è solo l'8 marzo del 1917 che un gruppo di donne originarie della città di San Pietroburgo scese in piazza per chiedere la fine della guerra, che aveva distrutto il mondo ed ucciso tante persone. Circa 4 anni dopo, nel giugno del 1921, fu indetta ufficialmente l'8 marzo per la "Giornata internazionale della donna" (era ora!!) ed il simbolo della festa è la mimosa perchè fiorisce tra fine febbraio e inizio marzo! Ma ora torniamo alle nostre eroine:
ELIZABETH BENNET DI "ORGOGLIO E PREGIUDIZIO"
La prima eroina cinematografica che cito, è anche la mia preferita, è Elizabeth Bennet, nata dalla penna di Jane Austen, protagonista femminile del romanzo Orgoglio e pregiudizio, pubblicato nel 1813 e precisamente la Bennet interpretata dalla straordinaria Keira Knightley nella trasposizione cinematografica, diretta da Joe Wright, del 2005. Perchè proprio lei? Perchè rispetto alle sue sorelle, Mary, Kitty e Lydia, ha un bel caratterino, una personalità forte, è testarda, intelligente, ironica, sensibile e sincera. La sua ribellione nasce nel tentativo di rivendicare il ruolo delle donne nell'ottusa società dell'epoca, dove le donne erano dipendenti dall'ordine dei mariti e dai famigliari. Elizabeth rivendica indipendenza e sfida le regoli sociali dell’epoca, rifiuta le proposte di matrimonio ma a volte incappa in pregiudizi, come nel caso di Mr. Darcy, che all’inizio reputa come un uomo antipatico e arrogante. Quando finalmente riconosce la sua bontà superando il pregiudizio che nutriva nei suoi confronti lo sposa! Ben fatto Elizabeth!❤
LIESEL LA "LA LADRA DI LIBRI"




Seconda guerra Mondiale, Liesel (Sophie Nélisse) è una vivace e coraggiosa ragazzina che affidata dopo la tragica morte del fratellino, dalla madre comunista, ad Hans Hubermann (Geoffrey Rush), un uomo buono e gentile, e alla sua antipatica moglie Rosa (Emily Watson). Liesel fatica ad adattarsi sia a casa che a scuola, dove viene derisa dai compagni di classe perché è analfabeta. Con grande determinazione, affronta la situazione grazie al papà adottivo che di notte le insegna a leggere il suo primo libro, rubato al funerale del fratello. L’amore di Liesel per la lettura si rafforzano grazie all’amicizia con un ebreo di nome Max (Ben Schnetzer) che i suoi genitori nascondono nello scantinato e che condivide con lei la passione per i libri incoraggiandola anche a scrivere. Se Elizabeth Benneth combatte contro le convenzioni sociali dell'epoca e contro i matrimoni combinati Liesel con forza e coraggio rivendica il diritto alla lettura, in un'epoca, quella del Nazismo e dell'ascesa di Hitler, in cui i libri venivano bruciati al rogo perché la lettura di libri estranei ai principi tedeschi doveva essere bandita (un'assurdità pazzesca!!). L'amore per la lettura e la scrittura conforterà Liesel dagli orrori della guerra e da tragici eventi e le farà condurre in seguito una vita lunga e felice! Se non avete visto ancora questo film, ve lo consiglio assolutamente, soprattutto ai i divoratori di libri!


RYAN STONE DI "GRAVITY"
Dal 1930 ai giorni nostri, dove le donne con grande fatica e coraggio sono riuscite ad affermarsi in lavori anche maschili come l'astronauta, basta citare la grandissima Samanta Cristoforetti. E la sua versione cinematografica non può non essere rappresentata dalla dottoressa Ryan Stone, (Sandra Bullock) un’astronauta sperduta nello spazio, dopo la scomparsa del suo gruppo di lavoro (tra cui il simpatico ed esperto comandante George Clooney) costretta a superare difficili prove fisiche e psicologiche anni luce dalla Terra, senza contare che Ryan ha alle spalle un grave lutto famigliare! Difficile non immedesimarsi in lei e nella sua solitudine, complice anche i paesaggi spaziali che tolgono il fiato, creati con spettacolari effetti speciali. Un'avventura ad alta tensione che non dovrete perdere!❤ W LE DONNE E BUONA SERATA A TUTTE! QUALI SONO LE VOSTRE EROINE CINEMATOGRAFICHE PREFERITE?😊

9 commenti:

  1. Ciao Vanessa, tanti auguri e grazie per questo bel post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, auguri in ritardo anche a te Carmen!😘 Grazie cara! A presto!❤

      Elimina
  2. In ritardo arrivo pure io, cara Vanessa!!!
    Tanti e tanti auguri.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Tomaso!😘 A presto!😊

      Elimina
  3. Adoro la Elizabeth di Keira Knightley! E ho apprezzato molto anche Gravity!

    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho la tua stessa opinione!💖 A presto cara!💖

      Elimina
  4. Ciao tesoro! Ho visto i primi 2 film e conto di leggere anche i libri ma l'ultimo non lo conosco affatto. Sono 3 esempi splendidi, non avrei saputo fare di meglio! La piccola Liesel poi é nel mio cuore ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io di libri ho letto solo "Orgoglio e pregiudizio", te lo consiglio assolutamente, é uno dei miei preferiti!❤ Grazie mille Eli, ti consiglio anche di guardare "Gravity" è un film spettacolare! Liesel è adorabile! Baci!😘

      Elimina
  5. Di questi 3 ho visto solo il terzo film, grazie per averci parlato degli altri e per essere passata da me. Molto bello il tuo blog ;)

    RispondiElimina