mercoledì 2 giugno 2021

RECENSIONE DEL FILM DISNEY PIXAR "SOUL" 🐱 🎹 🎶

Dopo un mese di assenza torno sul blog! Ultimamente tra scrivere il libro, pubblicare contenuti su Instagram (storie e post a tema cinematografico, tra cui quiz e consigli su cosa guardare in tv) e ovviamente vivere la mia vita offline, ho avuto poco tempo per scrivere recensioni. Oggi però vi presento la recensione di "Soul", il capolavoro Disney Pixar diretto da Pete Docter, già regista di "Up" e "Inside Out", che ha vinto l'Oscar come Miglior film d'animazione.


Joe Gardner (doppiato da Neri Marcorè) è un insegnante di musica delle scuole medie, insoddisfatto della vita e del suo lavoro. Infatti lui sogna di diventare un musicista jazz, mentre la madre lo vorrebbe con un lavoro a tempo indeterminato. Un giorno fa un provino per entrare nella band della leggenda del jazz Dorothea Williams ed ottiene il lavoro che tanto sognava. Ma per l'euforia cade in un tombino e finisce tra la vita e la morte. Joe si ritrova all'Antemondo, il luogo dove le anime dei nascituri vengono plasmate nella personalità e formate a trovare una loro una passione. Joe viene scambiato per un mentore e gli viene assegnata 22 (doppiata da Paola Cortellesi), un'anima che non vuole vivere perchè non riesce a trovare la sua "scintilla" e quindi ad ottenere il pass per la Terra.


I due stringono un accordo: Joe aiuterà 22, mentre lui userà il pass per tornare sulla Terra, ma non sarà così semplice perché i due finiscono in corpi diversi.

"Soul" è un film riflessivo, emozionante e complesso, che affronta tematiche quasi filosofiche come il senso della vita, la ricerca dell'ispirazione per vivere, della “scintilla” che però non è lo scopo della vita (il concetto è più ampio e non ve lo svelo), l'importanza delle piccole gioie quotidiane (come ad esempio mangiare la pizza),


il lato negativo delle passioni che possono diventare ossessioni e la depressione. Gli adulti lo apprezzeranno (a me è piaciuto molto), invece i bambini piccoli non lo comprenderanno (è consigliato dai 10 anni in su), ma si divertiranno grazie ad alcuni simpatici personaggi, su tutti il gattone Mr. Muffola, protagonista di alcune gang.


Altri pregi del film sono la colonna sonora del celebre pianista Stefano Bollani e i disegni curatissimi realizzati in computer grafica. 
"Soul" si può guardare su Disney Plus.
VOTO 8

giovedì 29 aprile 2021

I VINCITORI DEI PREMI OSCAR 2021 + LA PAGELLINA DEI LOOK SFOGGIATI DALLA STAR SUL RED CARPET

Come previsto "Nomadland" ha vinto come Miglior film ma anche Miglior regia a Chloé Zhao, prima donna asiatica e seconda donna regista a vincere questo riconoscimento, mentre Frances McDormand ha conquistato il premio come Miglior attrice protagonista. Anthony Hopkins, invece, ha vinto come Miglior attore protagonista per "The Father", film che ha conquistato anche il premio come Miglior sceneggiatura non originale. Purtroppo nessuna statuetta per l'Italia: Laura Pausini, che ha cantato il brano "Io sì" candidato come Miglior canzone originale, è stata battuta da Her con "Fight for You" del film "Judas and the Black Messiah", mentre Pinocchio" di Matteo Garrone in gara per trucco e costumi è stato battuto da "Ma Rainey’s Black Bottom". Come Miglior Film d'animazione ha vinto il capolavoro Pixar "Soul". 


E ora passiamo ai look: Amanda Seyfried, candidata come Migliore attrice non protagonista per "Mank" ha indossato un meraviglioso abito rosso senza spalline firmato Armani Privé, disegnato da Giorgio Armani che si è ispirato ai fiori di ibisco. VOTO 9


Zendaya non sbaglia mai in look e anche questa volta si conferma una regina di stile. L'attrice si è presentata sul Red Carpet indossando un abito giallo canarino fatto su misura da Valentino, a cui ha aggiunto una parure di diamanti firmata Bulgari, orecchini a goccia di diamanti gialli e due anelli ovviamente di diamanti. VOTO 8


Con il nero non si sbaglia mai e Laura Pausini ha indossato un un elegante vestito black firmato Valentino Haute Couture. VOTO 7


Carey Mulligan si è vestita dorata come gli Oscar (con gonna voluminosa e top a fascia firmati Valentino Haute Couture), ma purtroppo non ha vinto l'ambita statuetta per "Una donna promettente" (Promising Young Woman). VOTO 7


Margot Robbie, invece, ha indossato un abito floreale firmato Chanel Haute Couture. Secondo me poteva osare di più. VOTO 6


VOI CHI PREFERITE?

Tra i momenti più divertenti della serata, Brad Pitt che consegna il premio come Miglior attrice non protagonista a Yuh-Jung Yong (la nonna del film coreano "Minari"). La signora, fan dell'attore, l'ha accolto con un "Piacere di conoscerla Signor Pitt, finalmente! Ma dov'era quando giravamo?".  



martedì 30 marzo 2021

RECENSIONE DELLA PRIMA PUNTATA DI "LEONARDO"

Martedì 23 marzo su Rai 1 sono andati in onda i primi due episodi dell’attesissima serie evento Rai "Leonardo", creata da Frank Spotnitz e Steve Thompson, già ideatori de "I Medici", prodotta da Lux Vide ed incentrata sulla vita e sulle opere del tormentato genio toscano Leonardo da Vinci.


A inizio del 1500 il già famoso Leonardo da Vinci (Aidan Turner, che è stato il protagonista di "Poldark") viene accusato dell’omicidio della sua amica Caterina da Cremona (Matilda De Angelis, star di "The Undoing") e in carcere viene interrogato da Stefano Giraldi (Freddie Highmore di "Good Doctor") investigatore del Podestà di Milano, a cui inizia a raccontare la sua vita attraverso dei flashback, partendo dal primo incontro con Caterina nella bottega del Maestro Andrea Verrocchio (Adriano Giannini).


La storia è molto coinvolgente e trae ispirazione da fonti e fatti storici, ma in parte è anche romanzata, è appunto una fiction non un documentario e lo scopo è intrattenere lo spettatore, non impartire una lezione di storia. Tra gli episodi inventati spicca soprattutto la storia "un po' esagerata" della maledizione di Leonardo. Infatti l'uomo racconta a Caterina il suo primo ricordo di infanzia, cioè un rapace che si posa sulla sua culla facendolo piangere. Sua mamma allora lo porta dalla maga del villaggio che gli dice di abbandonarlo prima che tutto il villaggio sia dannato e la madre ovviamente lo abbandona! Da quel momento Leonardo è convinto di essere maledetto e di fare del male a chi lo circonda e l'attore Aidan Turner, che lo interpreta, riesce a trasmettere perfettamente la sua insicurezza e fragilità. Per quanto riguarda Caterina da Cremona, si tratta di un personaggio ispirato alla modella che ha posato per il quadro andato perduto "Leda col cigno".


Anche il suo personaggio è ben interpretato e caratterizzato, però è un po' troppo emancipato per il 1400 (ad esempio Caterina invita con disinvoltura Leonardo a casa sua). Anche i dialoghi sono "moderni" e poco adatti all'epoca rinascimentale. Vera, invece, l'accusa di sodomia (Leonardo viene denunciato, arrestato e processato per aver passato la notte con Jacopo Saltarelli, orafo e modello diciassettenne) e veritiere, molto interessanti e ben descritte le analisi delle opere create da Leonardo da Vinci, artista sempre alla ricerca della perfezione (nei primi due episodi realizza il Ritratto di Ginevra de Benci e L’Adorazione dei Magi).


Altri pregi della serie sono le scenografie, i costumi e la fotografia, le ambientazioni, invece, sono in parte realizzate con la computer grafica, dato che la serie è stata girata solo a Formello, vicino Roma, a causa della pandemia di Covid. Matilda De Angelis nell’intervista di Mara Venier a Domenica In del 21 marzo, ha detto che questa serie "strizza l’occhiolino alla televisione: non è che se pò fa’ una rottura de palle su Leonardo da Vinci" e l'intento di non annoiare lo spettatore è riuscito. La prossima puntata va in onda stasera 30 marzo, sempre su Rai 1 alle 21:25. A VOI PIACE QUESTA SERIE?

domenica 21 marzo 2021

RECENSIONE DEL FILM PREMIO OSCAR "GREEN BOOK" CHE SI PUÒ GUARDARE SU RAI PLAY

Mercoledì ho guardato in tv "Green Book" film di Peter Farrelly, che ha vinto 3 Premi Oscar molto meritati (Miglior film, Miglior attore non protagonista a Mahershala Ali e Migliore sceneggiatura originale) e tratto da una storia vera, quella di Tony Vallelonga, padre di Nick, uno degli sceneggiatori del film.


L'italoamericano Tony Lip (Viggo Mortensen), dopo aver perso il lavoro come buttafuori, accetta di accompagnare il pianista afroamericano Don Shirley (Mahershala Ali) in un tour nel Sud degli Stati Uniti, dove negli anni 60 dilaga il razzismo, seguendo una guida speciale (il Green Book appunto) dove sono segnati tutti i luoghi pubblici privati dove sono accettate le persone di colore. Infatti Don Shirley può suonare il piano nelle case e nei teatri dei "bianchi" che lo pagano perché è bravo e famoso, ma non può frequentare i ristoranti, i bagni e i negozi dei "bianchi" (veramente assurdo!). Emblematica la frase: "Si Tony io vivo in un castello da solo e i ricchi bianchi pagano per sentirmi suonare e sentirsi colti, ma appena scendo dal palco torno ad essere solo un altro negro. Perché è questa la loro vera cultura e soffro da solo perché la mia gente non mi accetta. Perché non sono nemmeno come loro. Quindi se non sono abbastanza nero, ne' abbastanza bianco, ne' abbastanza uomo, dimmi allora Tony, che cosa sono?" Tony e Shirley inizialmente si detestano perché il musicista è colto e non ama la volgarità, mentre l'autista è piuttosto rozzo e ha dei pregiudizi nei suoi confronti, poi i due diventeranno grandi amici e si scopriranno piuttosto simili. I due attori protagonisti sono straordinari e la storia fa riflettere, è ancora attuale (purtroppo!) ma allo stesso tempo è ricca di humor e battute. La mia scena preferita del film (è troppo divertente!) è quando durante la tappa del tour nel Kentucky, Tony convince un reticente Don Shirley a mangiare con le mani il pollo fritto (secondo il musicista non è igienico e poi fa le briciole 🤣).


Se amate le storie vere e quelle basate su un'amicizia improbabile, non perdete "Green Book"! Si può recuperare su Rai Play!

VOTO 8

venerdì 12 marzo 2021

RECENSIONE DEL FILM THRILLER "L'UOMO SUL TRENO" 🚉 CHE VA IN ONDA STASERA SU RAI 4 ALLE 21:20

Stasera su Rai 4 (canale 21) alle 21:20 va in onda il film thriller e d'azione "L'uomo sul treno" (The Commuter), diretto da Jaume Collet-Serra e con protagonisti Liam Neeson, Patrick Wilson e Vera Farmiga. 


Michael MacCauley (Liam Neeson) è un ex poliziotto e ora un assicuratore pendolare che tutti i giorni prende il treno per recarsi al lavoro a Manhattan. Un giorno viene licenziato e sul treno che lo riporta a casa viene avvicinato da una donna, Joanna (Vera Farmiga), che gli propone una sfida: trovare un passeggero che non dovrebbe trovarsi sul treno, la cui esistenza mette in pericolo quella di tutti gli altri.


Inoltre il passaggero ha con sé una borsa con dentro un oggetto rubato: se Michael riuscirà a riconoscerlo e a infilare nel bagaglio il GPS prima che scenda alla stazione di Cold Spring, otterrà una ricompensa di 100.000 dollari. Michael inizialmente è convinto che si tratti di uno scherzo, ma quando scopre che la sua famiglia è in pericolo, accetterà l'incarico. Questo film si può dividere benissimo in due parti: la prima è un thriller psicologico molto coinvolgente che tiene con il fiato sospeso perché tutti i passeggeri sembrano sospettati (io l'ho trovata anche un po' illogica: perché Joanna coinvolge proprio Michael e non qualche altro passeggero? Poi verso la fine ho capito il motivo e per tutti i telespettatori sarà una vera sorpresa!), la seconda parte, invece, è ricca d'azione, complice anche il lungo ed esagerato deragliamento del treno (il film comunque finisce bene!). Per quanto riguarda il cast, Liam Neeson è perfetto nella parte dell'eroe di film action (ha già interpretato questo ruolo in diversi film tra gli altri "Unknown – Senza identità" e "Non-Stop" proprio diretti da Collet-Serra).


Bravi anche Patrick Wilson e l'enigmatica Vera Farmiga. Consigliato se amate i colpi di scena e i film ad alta tensione!

VOTO 7

lunedì 1 marzo 2021

I VINCITORI DEI GOLDEN GLOBES 2021 + I LOOK SFOGGIATI DALLE STAR

Ieri notte su Sky Atlantic dalle 00:30 sono stati proclamati virtualmente i vincitori della 78esima edizione dei Golden Globes, che è stata condotta da Tina Fey e Amy Poehler. Inizio con una bella notizia per l'Italia 🇮🇹: Laura Pausini, in rosso Valentino, ha vinto il Golden Globe come Miglior Canzone per "Io sì (Seen)" del film "La vita davanti a sé".


Per quanto riguarda le serie tv, ha vinto "La regina degli scacchi" e la sua protagonista Anya Taylor Joy ha conquistato il premio come Miglior Attrice in una Miniserie. Bellissimo l'abito verde smeraldo firmato Dior indossato dall'attrice! 💚


Come Miglior Film Drama ha vinto "Nomadland" diretto da Chloe Zhao, che ha conquistato anche il premio come Miglior Regia, risultando la seconda regista donna premiata ai Golden Globe.


Il copianto Chadwick Boseman, invece, ha vinto postumo come Miglior Attore Drama in "Ma Rainey's Black Bottom".


Per concludere "Soul" ha vinto nella categoria Miglior Film d'animazione (un premio molto meritato secondo me!). Ecco qualche altro outfits della serata.

LE PRINCIPESSE                                                        Amanda Seyfried, candidata come Miglior Attrice non protagonista per "Mank", ha sfoggiato un bellissimo e romantico abito firmato Oscar de la Renta.


Immancabile il suo cane Finn.


Stupenda anche Elle Fanning con un abito di seta di Gucci.


GLI INTRUSI                                                                    Regina King, candidata come Miglior Regista per il suo film "One Night in Miami", ha indossato un luccicante abito di Louis Vuitton, ma a rubargli la scena è stato il suo cagnolino che si è messo a schiacciare un pisolino alle sue spalle.


Non solo cani, tra i vari video collegamenti da casa è comparso anche un gatto, quello di Emma Corrin (vincitrice del Golden Globe per il ruolo di Lady Diana in "The Crown"). L'attrice ha indossato un abito firmato Miu Miu con un appariscente colletto elisabettiano (questo look non mi convince molto!).


W IL PIGIAMA
Niente abito da sera per Jodie Foster: l'attrice, che ha vinto il Golden Globe per "The Mauritanian", si è presentata in pigiama, insieme alla moglie e al cane.
 

W la naturalezza!

COSA NE PENSATE DEI VINCITORI E DEI LOOK?

martedì 16 febbraio 2021

IL GATTO LARRY FESTEGGIA 10 ANNI A DOWNING STREET 🇬🇧

Ieri 15 febbraio il gatto Larry ha festeggiato dieci anni di servizio come cacciatore di topi o meglio come Chief Mouser, "l'acchiappatopi", presso la sede del primo ministro britannico al numero 10 di Downing Street.


Era il 15 febbraio 2011 quando Larry, che viveva dal rifugio per cani e gatti Battersea Dogs and Cats, fu adottato dalla famiglia dell'allora Primo Ministro David Cameron. Da allora ha cacciato un topo, alcuni piccioni,


ma ha anche rischiato di essere licenziato perché di fronte ad un topo notato da David Cameron nel suo studio non ha fatto nulla (così è stato soprannominato dalla stampa Pigro Larry), ha litigato con la gatta Freya con cui ha condiviso il ruolo di Chief Mouser da settembre 2012 a novembre 2014,


ha visto succedere altri due premier Theresa May e Boris Johnson, si è lasciato accarezzare dall’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama mentre in presenza di Donald Trump è fuggito sotto la sua limousine presidenziale (anche i gatti non amano Trump! 🤣). Oggi è considerato il felino più famoso d'Inghilterra.


Auguri Larry! 🎊🎉