venerdì 22 settembre 2017

LA MIA AVVENTURA AI CASTING PER IL SEQUEL DELLA FICTION "MASTERS OF FLORENCE - I MEDICI 2"

Ecco come funzionano i casting di una Fiction Rai di grande successo, fra attese interminabili, biglietti scambiati e ragazze accorse da tutta Italia con la speranza di comparire sul piccolo schermo.
LUNEDÌ 4 SETTEMBRE
Quando ami guardare film e ti immedesimi nei personaggi, è probabile che un giorno sogni come sarebbe fantastico comparire in una fiction accanto ai tuoi attori preferiti e magari anche pronunciare qualche battuta. E quando ho letto che a Mantova, nella mia città, stavano cercando delle comparse donne per la fiction in costume "I Medici 2" il sequel sulla nobile famiglia fiorentina, non potevo fare altro che accorrere perché ho seguito la prima stagione e l'ho trovata magnifica!💕

Fino ad allora la mia unica esperienza come comparsa era stata in un film coreano dove nello stesso giorno sono stata scelta e ho girato un paio di scene, qui trovate il resoconto dell'esperienza ➡ http://gattaracinefila.blogspot.it/2015/12/un-giorno-da-comparsa-su-un-set-coreano.html ma messa da parte timidezza, incertezze e mossa da forte curiosità, ho deciso di imbarcarmi in questa esperienza.
Bisogna precisare innanzitutto due cose: la prima è che se vuoi partecipare ad un provino per una fiction Rai ti devi presentare con minimo due ore in anticipo perchè sarà presente tutta Italia al casting. Io sono arrivata alle 9.00 come era stato detto sulla Gazzetta di Mantova e appena ho svoltato l'angolo per raggiungere il teatro dove si svolgevano il casting c'era il delirio per accaparrarsi il numero di fila e sono riuscita a prendere il NUMERO 423!!!!! La seconda è che devi avere una pazienza zen, devi diventare la persona più calma e tranquilla del mondo perché devi passare infinite ore in attesa!
Ma torniamo al casting, dopo aver acchiappato il numero (a dire la verità una gentile signora davanti a me mi ha dato il biglietto perché ero incastrata nella folla) mi sono riposizionata in fila (anzi diciamo nel marasma umano) per prendere i questionari. Che taglia hai? Che numero di scarpe porti? Quanta sei alta? Queste erano solo alcune domande sul questionario. Che abilità hai????? Ecco quest'ultima domanda ha messo nel dubbio molte ragazze, perché dovevi scrivere delle abilità che magari potevano essere sfruttate nella fiction. E che abilità servivano nel Rinascimento? Andare a cavallo? Io non ho mai fatto equitazione... Io ho scritto disegnare (anche se all'epoca le donne non disegnavano, semmai facevano le modelle) e poi che ho fatto teatro e sono stata una comparsa in un film girato a Mantova e infine dovevo aggiungere qualcosa nelle Note e io ho scritto che adoro il cinema, le serie tv e scrivo sul blog (quest'ultima cosa non c'entra una mazza lo so!) Intanto mentre stavo scrivendo appoggiata al muro, alle 10 arriva la notizia che i numeri dal 250 in su venivano provinati nel pomeriggio. Be' almeno avrei pranzato a casa, così sono tornata a casa. Sono ritornata ai casting alle 14 e scopro che sono arrivati solo al numero 160! Ormai arresa, mi siedo seduta per terra e inizio a socializzare con le altre ragazze, l'unico modo per ingannare l'attesa. Alcune provenivano da Verona, Vicenza, Venezia, Treviso, Milano, Salerno!! da mezza Italia insomma, una cosa impressionante, oltretutto in quei giorni stava iniziando il Festival della Letteratura e molte ragazze e donne approfittando di una visita a Mantova, si sono presentate per fare il casting. Intanto le ore passavano e la pazienza stava andando a farsi benedire. Intorno alle 17 ricevo messaggi di mamma, zia, amiche mie, amiche di mia mamma, tutte mi chiedevano se ero stata presa invece ero ancora bloccata là in un attesa che sembrava non finire mai. Alle 19 arrivati al numero 350, ci avvisano che le persone che abitano a Mantova possono tornare a casa e tornare mercoledì mattina alle 8.00 per lasciare la precedenza alle persone che devono tornare a casa con il treno come quelle di Milano. Praticamente ho atteso in invano per cinque ore ma almeno ho fatto una nuova esperienza, conosciuto persone nuove.  Una ragazza di Milano mi chiede di scambiarci il biglietto e io accetto, tanto ormai dovevo tornare mercoledì mattina alle 8 e così fanno altre ragazze che hanno il numero fino al 430. Io domani sarò il numero 534.
MERCOLEDÌ 6 SETTEMBRE
Alle 8 di mattina ho svoltato per la seconda volta l'angolo per raggiungere il teatro dove si svolgevano il casting e c'erano più di 100 persone in fila, tutto sommato molto meglio della mattina precedente. Però degli addetti del casting neanche l'ombra. Dieci minuti dopo è arrivata la direttrice del casting e un quarto d'ora dopo ci annunciano che partiranno dal numero 450 in su. Bene avevo meno di 100 persone davanti. Bene ma non benissimo perché questa volta siamo dovute stare tutte in piedi fuori dai cancelli, ma almeno il casting era veloce, abbastanza veloce (neanche gli addetti del casting si aspettavano un afflusso così importante di gente). Due ore dopo arriva il mio turno. Per prima cosa ci hanno fatto scrivere su un foglio con il pennarello nero indelebile il nome, cognome, il numero telefonico, la taglia, l'altezza e il numero del casting. Poi in fila indiana io e altre ragazze siamo entrate nel teatro. Appena arrivata davanti alla direttrice del casting, lei ha esaminato il mio questionario e ha dato un'occhiata al mio aspetto. Venivano scartate le ragazze che avevano i capelli tinti di un colore improbabile, chi aveva shatush, sfumature varie, meches e sopracciglia troppo sottili o tatuate, dovevi essere il più naturale possibile. Dopo aver ottenuto l'approvazione, ho ringrazio e ho raggiunto la postazione del fotografo, dove ho fatto due fotografie, una esponendo il cartello con i miei dati personali che avevo scritto in precedenza e un'altra foto senza cartello. La conclusione di questa esperienza? Ho passato la prima selezione, ma non mi hanno ancora chiamato come comparsa: prendevano 150 persone fra ragazze, bambini e uomini e di ragazze e mamme con i bambini si sono presentate in tutto 1300 (anche se sono state provinate 800 per motivi di tempo), aggiungiamoci i ragazzi, in totale a fare i casting ci saranno state più di 1500 persone, tantissime, quindi é molto difficile venire scelti. Comunque mi ricorderò sempre di questa meravigliosa, lunghissima e divertente esperienza!😍 VOI AVETE FATTO LE COMPARSE IN UNA FICTION O IN UN FILM?

mercoledì 20 settembre 2017

LA SAGA DI TERMINATOR E RECENSIONE DI "TERMINATOR GENISYS"

"Terminator" è un ciclo di film di fantascienza composto da cinque pellicole, prodotte dal 1984 al 2015. Ma chi sono i Terminator? Sono cyborg ideati dall'intelligenza artificiale Skynet, un supercomputer che, dopo aver preso autocoscienza, ha come obiettivo la distruzione del genere umano.
Nel 1984 viene distribuito il primo film "Terminator" diretto da James Cameron ed interpretato da Linda Hamilton (Sarah Connor) e Michael Biehn (Kyle Reese), i quali vengono inseguiti da un terminator modello T-800/101 interpretato da Arnold Schwarzenegger.
Il terminator torna indietro nel tempo per uccidere Sarah Connor prima che metta al mondo John Connor, leader della resistenza contro le macchine. A sua volta Kyle Reese, soldato della resistenza, viene inviato indietro nel tempo per proteggere Sarah dal terminator. Il film ha un grandissimo successo e consacra la notorietà di Arnold Schwarzenegger attore già noto per aver interpretato "Conan il barbaro". Il sequel è inevitabile così esce nel 1991 "Terminator 2 - Il giorno del giudizio", che vede il ritorno di Schwarzenegger nel ruolo di un T-800/101 catturato dalla resistenza e riprogrammato dal John Connor del futuro, per proteggere la sua controparte del presente, di Linda Hamilton e nuove entrate come Edward Furlong (nel ruolo di John Connor da bambino) e Robert Patrick (nel ruolo del T-1000, un cyborg programmato per uccidere John). Il film contribuisce in modo rivoluzionario allo sviluppo della grafica computerizzata e agli effetti speciali del morphing che permette di combinare i ritratti di due volti. Poi arrivano due film che io non ho visto, nel 2003 esce "Terminator 3 - Le macchine ribelli' non più diretto da James Cameron ma da Jonathan Mostow , sempre con Schwarzenegger e nel 2009 esce il quarto episodio "Terminator Salvation" diretto da McG e ambientato in un futuro post apocalittico in cui gli umani combattono contro le macchine comandate da Skynet. Nel 2015 è la volta di "Terminator Genisys".
Siamo nel futuro, la razza umana sta combattendo una sanguinaria guerra contro l'invincibile computer Skynet che ha convinto le macchine a ribellarsi contro l'umanità e a distruggere le città con robot assassini in grado di scovare e uccidere gli esseri umani scampati al bombardamento. Ma Skynet non ha fatto i conti con John Connor (Jason Clarke) figlio della più celebre Sarah Connor. John Connor guida la resistenza degli umani alla vittoria e dopo anni e anni di lotta Skynet sta per essere sconfitto. Ma Skynet con la macchina del tempo invia all'ultimo minuto un cyborg nel 1984 per uccidere Sarah Connor prima che nasca John. Allora John manda il suo braccio destro Kyle Reeves indietro nel tempo per proteggerla. Kyle Reese si toglie i vestiti e si butta nella macchina del tempo. Ma scoprirà che al posto della cameriera che non conosceva il suo destino, c'è una Sarah Connor consapevole del suo destino, combattiva e tosta accompagnata da un cyborg T-800 stranamente vecchio e reso dagli anni quasi umano che le fa da guardiano dall'età di nove anni e anche da padre (interpretato da Schwarzenegger). Viaggiando nel tempo, Kyle rievoca anche strani ricordi, mai avuti prima, risalenti al 2017. Convince perciò Sarah a recarsi con lui in quell'anno per impedire la messa on line di Genisys, l'App dietro la quale si nasconde la stessa Skynet. Ma i nemici sono dietro l'angolo.
Non avete capito molto dalla trama vero? Anch'io all'inizio non ho capito granché, confusa da questi improvvisi salti temporali anche se avevo visto ed apprezzato i primi due capitoli della saga di Terminator. Poi "Terminator Genisys" ha cominciato a piacermi perchè non fa rimpiangere il passato: questo reboot diretto da Alan Taylor è un mix tra l'origine di Terminator e la saga di Ritorno al futuro, gioca tra le linee temporali rimescolando le carte, citando i momenti cult della saga, aggiungendo tante novità e facendo tornare Arnie per tutti i fan nostalgici della saga. Infatti è sempre presente Arnold Schwarzenegger, sia la versione computerizzata del 1984 sia la versione attuale "Vecchio, non obsoleto" e si cala alla perfezione nel suo iconico ruolo sfoderando battute ironiche e mega sorrisi.
La nuova Sarah Connor è una guerriera senza paura addestrata come un militare, che spara, combatte, guida la moto come Lara Croft. D'altronde è interpretata dalla madre dei draghi di "Games of thrones", alias Emilia Clarke.
Tra viaggi nel tempo complicati, scene d'azione ed effetti speciali il film scorre piacevolmente, non vi annoierete e non è neanche necessario aver visto i film precedenti perché l'origine della storia è tutta concentrata qui, guardare per credere! VOTO 7,5

sabato 16 settembre 2017

RECENSIONE FILM "FALLEN" TRATTO DALLA SAGA LETTERARIA DI LAUREN KATE

Da fan della saga letteraria fantasy-romantica Fallen (composta da 4 libri) scritta da Lauren Kate che ho scoperto quando avevo 15 anni, non vedevo l'ora di guardare la trasposizione cinematografica del primo capitolo.
La storia di "Fallen" è incentrata su Luce" Price, una diciassettenne che apparentemente sembra condurre una vita normale, fino a quando non viene accusata di un crimine che non ha commesso e viene spedita al rigido riformatorio Sword & Cross. Lì Luce si trova a essere corteggiata da due ragazzi Cam e Daniel, ai quali si sente inspiegabilmente legata. Sola e perseguitata da strane visioni, Luce inizia a indagare sul suo passato e scopre che i due giovani sono angeli caduti innamorati di lei da secoli. Luce dovrà far chiarezza nei suoi sentimenti e scegliere se schierarsi dalla parte del bene o del male.
Nel film la trama viene molto semplificata (ovviamente direte voi il libro ha 500 pagine!) e quindi chi non ha letto Fallen potrebbe sentirsi un po' spaesato, soprattutto nel finale (secondo me anche se non viene rappresentato allude alla fine dell'ultimo libro della saga e non all'inizio di Torment). Infatti questo film presenta cenni agli altri romanzi della saga, i miei preferiti sono stati gli echi del passato e i flashback tra Luce e Daniel. Altri pregi sono l'ambientazione, l'ho trovata perfetta, la SwordCross si avvicina molto al libro manca solo il cimitero adiacente (le riprese sono state fatte nel castello di
Tura di nei pressi di Budapest, in Ungheria). Ottimi gli effetti speciali (soprattutto quando Daniel si trasforma in un angelo e rivela delle bellissime e lucenti ali bianche) ed ottimo il cast e gli interpreti principali: Luce interpretata da Addison Timlin è simile al libro ma ha i capelli lunghi e non corti e ricci, Daniel interpretato da Jeremy Irvine rispecchia fedelmente l'angelo biondo e bellissimo mentre Cam (Harrison Gilbertson), no non ci siamo, avrei scelto un altro attore, non basta vestirlo interamente di pelle nera e borchie + capelli lunghi e tatuaggi per trasformarlo nel bad boy del libro, assomiglia più ad un metallaro e non è abbastanza bello.
Altro difetto la durata: un'ora e mezza sono pochi avrebbero potuto allungarlo di un quarto d'ora, spiegare meglio alcuni passaggi, aggiungere dei dialoghi così da non lasciare lo spettatore nel dubbio. Consiglio questo film agli amanti dei libri e dei film Young Adult come Twilight  (non a caso è presente anche qui un triangolo amoroso) e a chi ama le storie d'amore, ma con uno sfondo fantasy. VOTO 6,5
VOI AVETE VISTO IL FILM FALLEN O AVETE LETTO LA SAGA?

mercoledì 13 settembre 2017

COLLABORAZIONE CON LA PAGINA FACEBOOK "CIAK SI GIRA" DI LUCA LAROSA

NUOVA COLLABORAZIONE PER IL BLOG GATTARACINEFILA! Oggi sono stata contattata per una nuova collaborazione da Luca Larosa, appassionato di cinema e gestore di una pagina "Ciak si gira", qui la sua pagina Facebook ➡  https://www.facebook.com/ciaksg/ (se siete appassionati di cinema dovete assolutamente seguirla!) che tratta argomenti, curiosità e recensioni legati al mondo del cinema (questo è il logo della pagina).
Ciaksg condividerà le mie recensioni cinematografiche sulla sua pagina per poter dare più materiale e informazioni possibili riguardo all'ambiente del cinema ai lettori appassionati di film! Quindi non perdetevi le recensioni e seguite la pagina Ciaksg, anche su Instagram ➡ https://www.instagram.com/ciaksgira/!💕

lunedì 11 settembre 2017

PAGELLINA LOOK 74ESIMA MOSTRA DI VENEZIA E IL PREMIO FIPRESCI AL DOCUMENTARIO L'EX LIBRIS - THE NEW YORK PUBLIC LIBRARY

Oggi do i voti ai look che le star hanno sfoggiato alla 74esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, ma intanto voglio nominare il vincitore del Leone d'Oro. Ha vinto "The Shape of Water" di Guillermo del Toro e io non vedo l'ora di vedere questo film poetico e fiabesco! Ora torniamo alla moda:
LA TOP MODEL IN STILE ORIENTALE
Bianca Balti è arrivata sul Red Carpet avvolta in un bell'abito kimono bianco di seta firmato OVS  con ampio spacco e chignon alto sulla testa.
Un look d'ispirazione giapponese che ho apprezzato molto, l'outfit è anche disponibile on line e in limited edition su ovs.it e ovsfashion.com dal 20 settembre, anche nella tonalità nero. VOTO 7,5
LOOK D'ISPIRAZIONE NEO ROMANTICA
Il film The Mother di Darren Aronofsky, in concorso alla 74esima Mostra del Cinema di Venezia, non ha avuto successo ma il look dell'attrice protagonista, Jennifer Lawrence, sì.
Lawrence ha sfoggiato un abito da principessa di Christian Dior audace ma di classe. VOTO 9
Amal Alamuddin é sempre perfetta e anche sul red carpet mano nella mano col marito George Clooney per la prima di "Suburbicon" alla mostra del Cinema di Venezia, non poteva sbagliare look.
Bello l'abito color glicine Atelier Versace (adoro il colore viola e tutte le sue sfumature), i gioielli e i sandali argentati. VOTO 7,5
Molto principesca anche Kirsten Dunst in Rodarte con un meraviglioso abito rosa a pois che scongiura l'effetto Barbie, grazie anche alle labbra rosse e al trucco.
VOTO 8,5
Anche Jane Fonda per il tappetto rosso insieme a Robert Redford ha scelto un lungo abito nude con applicazioni di cristalli e fiori sui toni dell’azzurro di Marchesa.
Perfetto ed adatto alla sua età. VOTO 8
LOOK SEXY
Cristiana Capotondi è arrivata sul red carpet con un sexy e luccicante abito di Miu Miu blu con cristalli,
semplice ma elegante, ma io preferisco abiti più originali. VOTO 6,5
Anche Susan Sarandon in laguna per la vincita del premio Kinèo-diamanti ha scelto un abito sexy realizzato appositamente per lei con spacco e profondo scollo a cuore della collezione Boss.
L'abito con scollatura + spacco è un po' troppo audace per la sua età. VOTO 5
L'ORIGINALE
La giurata Rebecca Hall ha scelto un abito Armani Privè e un orologio tempestato di diamanti.
Quelle applicazioni sull'abito mi ricordano le lucine dell'abete natalizio, ma il taglio dell'abito mi piace. VOTO 6
VELI SU VELI
Julianne Moore si è presenta avvolta in un lungo abito di Valentino ricoperto di frange argentate.
Un look difficile da portare ma lei se lo può permettere! VOTO 7.
LE CASTIGATE
L'attrice italiana Alessandra Mastronardi forse si stava preparando ad immergersi nell'atmosfera rinascimentale della serie Tv "I Medici" che deve girare prossimamente perché si è presentata con una pettinatura che la invecchia e avvolta in un abito couture in satin viola di Alberta Ferretti.
Tutto troppo serioso. VOTO 5
Jasmine Trinca, invece, ha sfoggiato un abito bianco panna a maniche lunghe e un taglio corto e sbarazzino che movimenta il look.
VOTO 6
PAILLETTES E PIUME
Penélope Cruz si è presentata in laguna in un abito Atelier Versace con ampio spacco, ricami sul corpetto
e piume di struzzo sulla gonna. Chiunque sembrerebbe uscito da un film anni 20 stile Grande Gatsby, tranne Penelope. Promossa! VOTO 8
LADY IN RED
Serena Rossi per presentare il film "Ammore e malavita" dei Manetti Bros ha sfoggiato un abito lungo in pizzo macramé rosso e spalle scoperte. VOTO 7,5
Bello! VOTO 7,5
PREMIO FIPRESCI ALLA MOSTRA INTERNAZIONALE D'ARTE DI VENEZIA
Ogni anno la FIPRESCI - Federazione Internazionale Stampa Cinematografica - assegna i suoi Premi interni alla Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica di Venezia attraverso una Giuria selezionata che premia i migliori film all’interno delle due sezioni ufficiali del festival cinematografico.
Quest’anno la Federazione Internazionale è lieta di assegnare il Premio Fipresci per il Concorso Ufficiale a EX LIBRIS - THE NEW YORK PUBLIC LIBRARY di Frederick Wiseman, documentario presentato in Concorso alla 74a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica e che ha raccolto il plauso della critica durante il suo passaggio alla kermesse. Il premio è stato assegnato con la seguente motivazione: "Essenziale e tempestivo tributo ai legami intellettuali condivisi dalle nostre comunità per la dedizione nei confronti di un bene cittadino consacrato alla conservazione della cultura e per il suo richiamo alla necessità di rinutrimento costante dello spirito di conoscenza e verità."
Ex Libris del celebre documentarista Frederick Wiseman, che ho presentato sul blog ➡ http://gattaracinefila.blogspot.it/2017/09/ex-libris-new-york-public-library-di.html
è dedicato ad una delle più celebri istituzioni culturali al mondo, luogo di conoscenza e apprendimento con le sue 92 filiali dislocate a Manhattan, risorsa reale per tutti gli abitanti della Grande Mela, città multiforme e cosmopolita. La New York Library è sinonimo di profonda fiducia americana nel diritto individuale di conoscenza e informazione. È una delle istituzioni più democratiche in America in cui tutti sono benvenuti. A ritirare il premio presso l’Hotel Excelsior, per conto del regista Frederick Wiseman, Michele Casade Massari, Advisor della casa di distribuzione I Wonder Pictures che distribuirà prossimamente la pellicola in Italia in collaborazione con Unipol Biografilm Collection.

sabato 9 settembre 2017

ANTEPRIMA "IL PARADISO DELLE SIGNORE 2" E IL RITORNO DELLO STILE VINTAGE CON LA FASCIA PER CAPELLI ANNI 50

Buon sabato a tutti!😘 L'estate sta finendo e i palinsesti si stanno arricchendo di nuove serie o sequel in prima visione assoluta: lunedì 11 e martedì 12 settembre torna il magazzino italiano più famoso della tv con la seconda stagione di "Il paradiso delle signore" diretta da Monica Vullo.
Dove eravamo rimasti nella prima stagione? "Il paradiso delle signore" è un grande magazzino di Milano. Teresa Iorio (Giusy Buscemi), giovane fuggita dalla propria terra, la Sicilia, per evitare il matrimonio combinato con il fidanzato storico, raggiunge suo zio a Milano in cerca di una nuova vita. Riesce a farsi accettare fra le “Veneri” cioè le commesse de Il paradiso delle signore, grazie all’amicizia con il pubblicitario Vittorio Conti (Alessandro Tersigni). Qui Teresa s'innamora del padrone dello stabilimento, l’enigmatico Pietro Mori (Giuseppe Zeno), uomo di successo e promesso sposo di Andreina Mandelli, figlia dell’uomo che lo sta ricattando a causa del suo passato. Alla fine Mori, chiude i conti che aveva in sospeso ed è pronto per vivere il suo amore con Teresa ma ricompare la sua ex moglie di cui nessuno era a conoscenza. La seconda stagione della serie inizia alla fine di agosto del 1956 quando il Paradiso è pronto a riaprire dopo la pausa estiva. Ritroveremo Mori alle prese con la sua ex moglie Rose (Andrea Osvart) che si è presentata al Paradiso e sembra intenzionata a ritrovare la felicità con il suo ex marito e Teresa (Giusy Buscemi) delusa perché, ancora una volta, l’uomo che ama le ha mentito. Nel cast ritroveremo ancora Alessandro Tersigni, Giulia Vecchio, Christiane Filangieri, Cristiano Caccamo, Marco Bonini, Lorena Cacciatore e nuovi attori.
Sullo sfondo ovviamente non mancheranno i fatti storici: se nella prima stagione sono stati affrontati l'emancipazione delle donne e la rivoluzione nella moda e nella pubblicità, alla fine degli anni 50 arriva Carosello, il successo dei jeans. Consiglio questa serie a tutti gli appassionati di moda e del vintage degli anni 50 e a chi ama le storie romantiche e ricche di colpi di scena. Io amo questo stile, ultimamente sto adorando le fasce con il fiocco, quelle che indossavano le pin-up, ecco una mia foto in stile fifties!💕
VOI AMATE LO STILE VINTAGE, GUARDERETE QUESTA SERIE?

domenica 3 settembre 2017

EX LIBRIS - THE NEW YORK PUBLIC LIBRARY DI FREDERICK WISEMAN PRESENTATO DOMANI IN CONCORSO ALLA 74° MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA


Nuova collaborazione con l'ufficio stampa Echo: oggi pubblicizzo un documentario. Infatti domani, Lunedì 4 settembre, verrà presentato EX LIBRIS - THE NEW YORK PUBLIC LIBRARY del celebre documentarista e Leone d’Oro alla Carriera Frederick Wiseman.
Il documentario, presente In Concorso alla 74° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, è un interessante affresco dedicato ad una delle più celebri istituzioni culturali al mondo, la più celebre biblioteca della Grande Mela, luogo di conoscenza e apprendimento con le sue 92 filiali dislocate a Manhattan, risorsa reale per tutti gli abitanti della città multiforme e cosmopolita.
La New York Library è sinonimo di profonda fiducia americana nel diritto individuale di conoscenza e informazione. È una delle istituzioni più democratiche in America in cui tutti sono benvenuti.
EX LIBRIS - THE NEW YORK PUBLIC LIBRARY di Frederick Wiseman verrà distribuito in Italia da I Wonder Pictures.
Dettagli attività stampa:
Lunedì 4 settembre, ore 12.30: Conferenza stampa alla presenza del regista Frederick Wiseman| Sala conferenze stampa (terzo piano Palazzo del Casinò)
Lunedì 4 settembre, ore 14.00: Proiezione ufficiale | Sala Grande
Venerdì 8 settembre, ore 20.00: Replica | Sala Casinò







sabato 2 settembre 2017

3 KOLOSSAL DI FANTASCIENZA NEI CINEMA IN AUTUNNO DA NON PERDERE


VALERIAN E LA CITTÀ DEI MILLE PIANETI DI LUC BESSON 21 settembre


Nell'anno 2740, Valerian (Dane DeHaan) e Laureline (Cara Delevingne) sono Corpi Speciali incaricati dal governo di mantenere l'ordine in tutto l'universo. Seguendo gli ordini del loro comandante, i due si imbarcano per una missione nella città intergalattica di Alpha, metropoli in continua espansione e dimora di migliaia di specie diverse provenienti da ogni angolo della Galassia. Questa importante e storica città, è sotto l'attacco di un nemico sconosciuto. Valerian e Laureline dovranno combattere contro il tempo per trovare l'origine di questa forza maligna e fermarla prima che distrugga il nostro universo.
Basato  sul fumetto di Pierre Christin, "Valerian e la città dei mille pianeti" di Luc Besson, vanta un cast stellare Clive Owen, Rihanna, Ethan Hawke, Dane DeHaan, Cara Delevingne e John Goodman e una storia di fantascienza con effetti spettacolari. Assolutamente da vedere!💕
THOR: RAGNAROK 25 ottobre 2017


Dopo gli eventi di Avengers: Age of Ultron, Thor (Chris Hemsworth) si ritrova imprigionato sul pianeta Sakaar senza il suo martello. Costretto a combattere in un'arena contro Hulk (Mark Ruffalo), suo amico e alleato negli Avengers, Thor deve riuscire a tornare ad Asgard per fermare la pericolosa Hela (un'inedita e inquietante Cate Blanchett dai capelli corvini che indossa un copricapo con le corna che ricorda vagamente Maleficent) e impedire il Ragnarok.
Se avete visto i due capitoli delle avventure del supereroe nordico con il martello interpretato da Chris Hemsworth, se siete fan degli Avengers e dei film ispirati dai fumetti Marvel, non potete perdere il terzo film della saga. Nel cast ritroveremo Tom Hiddleston, Jamie Alexander, Anthony Hopkins e nuovi ingressi come Mark Ruffalo (Hulk), Cate Blanchett (la cattiva Hela) Benedict Cumberbatch. Insieme a Batman e Superman, Thor é uno dei superoi che preferisco e trovo perfetto Tom Hiddleston nei panni del perfido Loki, quindi non perderò questo film.
JUSTICE LEAGUE 16 novembre 2017

Dopo la morte di Superman, Batman (Ben Affleck) rivaluta i suoi metodi estremi e inizia a cercare altri straordinari eroi per assemblare una squadra per difendere la Terra da ogni minaccia. Assieme a Diana Prince (Gal Gadot), si mette alla ricerca del cibernetico ed ex giocatore di football Victor Stone, del velocista Barry Allen (Flash) e del Re di Atlantide Arthur Curry. Insieme dovranno lottare contro Steppenwolf, incaricato dal nipote Darkseid di trovare tre artefatti nascosti sulla Terra.
Basato sull'omonimo gruppo di supereroi dei fumetti DC Comics, il film segna il debutto cinematografico live-action della Justice League of America dove Batman e Wonder Woman reclutano Flash, Aquaman e Cyborg per fronteggiare la minaccia di Steppenwolf, lo zio di Darkseid, e del suo esercito di Parademoni. Il film è interpretato da Ben Affleck, Henry Cavill, Gal Gadot, Ezra Miller, Jason Momoa, Ray Fisher e Ciarán Hinds. Un'altro Kolossal da non perdere anche se il regista non sarà piu Zack Snyder che ha abbandonato gli ultimi ritocchi del film per un lutto familiare. Il film sarà diretto da Joss Whedon, conosciuto per essere stato l'ideatore di "Buffy - l'Ammazzavampiri" e il regista dei due film dedicati agli Avengers. É il film perfetto per chi ama i supereroi e i film pieni di effetti speciali!
VI ISPIRANO QUESTI FILM?😊

martedì 29 agosto 2017

RUBRICA "UNA ZAMPA SUL CUORE": SAJI CONNOR DI http://daily-connor.blogspot.it/ LA MUSICISTA CHE ADORA "LE CRONACHE DI NARNIA" E IL SUO GATTO RICHARD PARKER 😽



Buon pomeriggio a tutti! Con la conclusione delle vacanze estive e il ritorno alla quotidianità, torna la rubrica delle interviste: questa volta la protagonista di "Una zampa sul cuore" é la musicista e bassista Saji Connor, appassionata di libri, amministratrice di un blog letterario e amante dei gatti naturalmente!💕
PRESENTACI IL TUO BLOG, PERCHÉ SI CHIAMA COSÌ E COSA TRATTA?
Ciao amici del blog!
Io sono Saji Connor, ho 32 anni, amo la musica, i gatti, la fotografia, cucinare e… tutto ciò che è creare. Tutto ciò che è arte. Nella vita mi occupo di musica per lavoro e per diletto, sono autrice del blog “Daily Connor” ➡ http://daily-connor.blogspot.it/ (seguitelo, soprattutto se siete appassionati di libri e musica) e spesso collaboro per fare traduzioni o trascrizioni di interviste o notizie relative al mondo della musica, in Inglese e in italiano.
Ho scelto di chiamare il mio blog così perché il mio obiettivo è quello di pubblicare tutti i giorni almeno un nuovo post che parli di musica, fotografia e tutto quello che riguarda le mie attività e le mie passioni, con grande rilevanza riguardo i libri.
COME È NATA LA TUA PASSIONE PER I LIBRI E QUALI SONO I TUOI PREFERITI?
I libri mi hanno sempre affascinata, la vera passione è nata grazie ad un’amica un po’ più grande di me, che mi consigliò di leggere “Il Signore Degli Anelli” di J.R.R. Tolkien ed il fantasy in generale.
Per quanto riguarda i miei libri preferiti, tre sono fissi sul podio e sono “Il Signore Degli Anelli” di J.R.R. Tolkien, “Le Cronache Di Narnia” di C.S. Lewis,
“Cime Tempestose” di Emily Bronte. Sotto di questi si avvicendano altri titoli, che cambiano posizione in classifica a seconda del mio umore del momento
"LE CRONACHE DI NARNIA" DI C.S. LEWIS E "CIME TEMPESTOSE" DI EMILY BRONTE SONO LIBRI BELLISSIMI. ANCHE IL TUO GATTO HA IL NOME DI UN PROTAGONISTA DI UN LIBRO: PRESENTACI RICHARD PARKER, COME VI SIETE "CONOSCIUTI"?
Chi mi conosce sa che amo tutti i felini, in particolare i gatti e non riesco a vivere senza di loro. L’Ammiraglio Richard “Rio” Parker (sì si chiama come la tigre di "Vita di Pi) è un Exotic Shorthair, una razza molto dolce, vanitosa, comprensiva, giocosa.

Ci siamo incontrati la prima volta 4 anni fa, lui aveva quasi tre mesi, ed io sono andata fino a Narni(a) da Roma, esclusivamente per conoscere lui! Quel giorno è stato amore a prima vista, non appena l’ho preso in braccio ha iniziato a fare le fusa!
PARLACI DELLA TUA PASSIONE PER LA MUSICA
La musica è sempre stata presente nella mia vita, sotto forme e modi diversi, ma comunque c’è sempre stata. Suono il basso elettrico da tantissimi anni, ed ho la fortuna di potermi dedicare alla musica 365 giorni l’anno gestendo e lavorando in uno studio di registrazione e sale prova. La mia band “This Void Inside” ha pubblicato il primo CD nel 2008, si intitola “Dust” (CD di musica gothic, elettronica e metal melodico).
Ci siamo fermati per parecchi anni, anche se le collaborazioni tra di noi sono continuate in diversi modi, ma ora abbiamo ripreso l’attività ed abbiamo quasi finito di preparare il nuovo album, che dovrebbe uscire per il prossimo autunno. Questo è il nostro canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCeiB8s-1zPsNozZOyceQTZQ


SEGUITE SAJI CONNOR E LA SUA BAND I THIS VOIDE INSIDE ANCHE SU FACEBOOK


https://m.facebook.com/?hrc=1&refsrc=http%3A%2F%2Fh.facebook.com%2Fhr%2Fr&_rdr#!/sajiconnor




https://m.facebook.com/thisvoidinsideofficial/?locale2=it_IT

domenica 27 agosto 2017

FILM SUL TEMPO "QUESTIONE DI TEMPO" E "COLLATERAL BEAUTY"

QUESTIONE DI TEMPO
Un padre (Bill Nighy) svela al figlio Tim (Domhnall Gleeson) al compimento dei suoi 21 anni che lui, come tutti gli uomini della sua famiglia, ha il potere di viaggiare magicamente nel tempo ma non può viaggiare nel futuro o nelle epoche passate. Può solo tornare indietro nella sua linea temporale e cancellare quello che è accaduto nella sua vita per modificarlo in maniera differente (bello, no?). Come? Basta infilarsi in un posto buio come un armadio, concentrarsi e stringere i pugni. E lui sceglierà di sfruttare questo dono per trovare una fidanzata. Un'idea molto originale che il regista Richard Curtis, l’autore di Love Actually e delle sceneggiature di Quattro matrimoni e un funerale e Notting Hill, scrive e dirige alla perfezione unendo humor britannico (si ride soprattutto nella prima parte del film), attori bravissimi e convincenti (su tutti la deliziosa Rachel MCAdams regina delle commedia romantiche, io la seguo dal film "La pagine della nostra vita" e Bill Nighy mentre Domhnall Gleeson non mi ha convinto molto, avrei cambiato attore protagonista) creando una storia dai contorni fantascientifici che si sviluppa come una commedia romantica aggiungendo cenni drammatici ma non esagerando, con una originale colonna sonora (su tutte “Il mondo” di Jimmy Fontana canzone datata 1965!! che risulterebbe fuori luogo al giorno d'oggi, invece è azzeccatissima per questo film). Cosa volere di più? Il film racconta la straordinaria avventura che é la vita, riflette anche sul Tempo che viene spesso sprecato, a volte noi non ci rendiamo conto che perdiamo opportunità, momenti di felicità, di crescita, momenti degni di essere vissuti. Quindi non serve viaggiare indietro nel tempo per cambiare il destino ma è importante vivere appieno il Tempo senza modifiche. È un film sicuramente da vedere, soprattutto per gli amanti dei film British. VOTO 7,5
COLLATERAL BEAUTY
Mancano ancora molti giorni a Natale ma se volete immergervi in una fiaba natalizia, oggi vi presento la recensione di "Collateral Beauty" con Will Smith, una rivisitazione moderna del Canto di Natale che non mi ha convinto molto! ➡
http://www.iltermopolio.com/cinema/collateral-be
VOTO 6-
SIETE D'ACCORDO CON LE MIE RECENSIONI?😊

lunedì 21 agosto 2017

PRESENTAZIONE E RECENSIONE IN ANTEPRIMA DI "IN DUBIOUS BATTLE - IL CORAGGIO DEGLI ULTIMI" DI E CON JAMES FRANCO


Oggi nuova collaborazione con la Ambi, società di produzione americana che ha scritto appositamente per il mio blog la recensione di "In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi" diretto ed interpretato da James Franco, per pubblicizzare il film che uscirà nei cinema il 7 settembre. Io ho solo semplificato la trama.
TRAMA DI "IN DUBIOUS BATTLE - IL CORAGGIO DEGLI ULTIMI"

Siamo nel 1933, la crisi economica generata dal crollo di Wall Street costringe grandi masse di diseredati a muoversi lungo tutto il Paese, alla ricerca di occasioni di lavoro. Uno di loro, con la famiglia al seguito, raggiunge la California con i suoi pochi averi, attratto dalla possibilità di guadagnare una paga fissa di due dollari al giorno prospettata da un proprietario terriero per la raccolta delle mele. Una volta giunto sul posto, però, si trova di fronte ad una situazione del tutto imprevista, con il latifondista deciso a concedere non più di un dollaro al giorno ai raccoglitori, una paga che sarebbe del tutto insufficiente alle loro esigenze, soprattutto per chi ha una famiglia da mantenere. In questa situazione si scatena la ribellione dei lavoratori ma in un primo momento risulta troppo disorganizzata per poter provocare qualche effetto. Inoltre il partito Comunista, vede nella lotta a favore dei raccoglitori di mele una grande occasione per affermare la loro causa. Infatti se la protesta riuscisse a dare i frutti sperati, potrebbe rivelarsi soltanto l’inizio di un’ondata di scioperi in grado di promuovere la lotta di classe in California. Ben presto, però, vengono a formarsi due posizioni abbastanza contrastanti: da un lato c’è infatti Mac McLeod (James Franco), disposto a tutto pur di spingere i lavoratori a scioperare per favorire le future organizzazioni sindacali e il Partito Comunista senza contemplare le soluzioni intermedie, dall’altro Jim Nolan (Nat Wolff), il quale si dimostra del tutto lontano dal fanatismo del primo e vede nella lotta intrapresa il modo per migliorare le condizioni dei raccoglitori, senza secondi fini. Inoltre Nolan vuole confinare la lotta a a livello locale, sapendo che in caso contrario i lavoratori non ne avrebbero nulla da guadagnare. MacLeod, però, esagera fino ad arrivare a provocare l’incidente che dovrebbe scatenare i lavoratori e inasprire gli animi, sabotando la scala di cui uno di loro e provocherà una battaglia nella quale i raccoglitori di mele risulteranno inevitabilmente sconfitti.
RECENSIONE DEL FILM
Con "In Dubious Battle" James Franco riesce finalmente a raggiungere la piena maturità espressiva, al termine di un percorso che lo ha visto protagonista, nelle vesti di regista, di dodici opere. Se infatti in precedenza l’artista statunitense non era mai riuscito realmente a toccare vette espressive all’altezza delle ambizioni, stavolta sembra finalmente aver trovato la misura giusta. "In Dubious Battle" riesce a restituire le atmosfere del romanzo che lo ha ispirato, "La battaglia", considerato dalla critica letteraria una delle opere minori di John Steinbeck e in particolare di una Grande Depressione che ormai da decenni costituisce un tema di grande attrazione per il cinema statunitense. Franco è riuscito a cogliere lo spirito del romanzo, ma allo stesso tempo ad apportare un tocco del tutto personale all’opera, con risultati giustamente riconosciuti dalla critica cinematografica. Ma anche il resto del cast non è da meno. A partire proprio da Nat Wolff, il quale riesce a tenere testa e superare il suo più celebre collega, facendo del suo Jim Nolan una figura di grande rilievo, perennemente combattuto tra le necessità della lotta e la voglia di mollare tutto e dedicarsi ad una vita normale. Se Franco e Wolff monopolizzano la vicenda, non vanno però dimenticate alcune figure minori che danno il loro fondamentale contributo alla riuscita della pellicola, a partire da Selena Gomez, che interpreta una ragazza madre di cui proprio Nolan non tarda ad innamorarsi. Non meno di rilievo le prestazioni di una serie di primattori come Bryan Cranston, Sam Shepard, Ed Harris, Vincent D’Onofrio e Robert Duvall, che contribuiscono da par loro a rievocare le atmosfere cruente di cui furono teatro gli Stati Uniti negli anni della Grande Depressione. Ecco il trailer: https://www.youtube.com/watch?v=yoWxNfTsrJA&t=13s

venerdì 18 agosto 2017

16 AGOSTO ALLA FIERA DELLE GRAZIE DI CURTATONE

Il giorno dopo Ferragosto sono andata a visitare il borgo delle Grazie di Curtatone, sulle sponde del Mincio a pochi chilometri da Mantova, dove ogni anno si svolge l’Antichissima fiera delle Grazie con
"l'Incontro Nazionale dei Madonnari” che dal 1973 raccoglie ogni anno più di 150 artisti da tutto il mondo. I madonnari sono pittori che dipingono con gessetti colorati sull'asfalto, creando grandi riproduzioni di quadri famosi d'arte sacra o immagini di propria fantasia dedicate alla Madonna. L'anno scorso non ci sono andata ma vi ho spiegato nel dettaglio l'origine di questa antichissima manifestazione, oggi, invece, vi racconto nei dettagli la giornata che ho passato il 16 agosto. Dopo essere arrivata a Grazie con l'autobus, ho camminato nel primo pomeriggio sotto il sole cocente (sì la piazza del paese è completamente al sole), protetta da un grande cappello di paglia per ammirare e fotografare i dipinti realizzati sull'asfalto con i gessetti e il Santuario.
Consiglierei anche a coloro che non amano camminare di fare questo sforzo, magari in ore meno torride (alle 18 di sera) perché queste opere artistiche meritano molto. Ecco alcuni dipinti che ho fotografato!💖
Quest'anno non ho mangiato il cotechino (piatto tipico della fiera, c'è chi lo mangia all'alba, io ho la digestione lenta come una lumaca e poi fa troppo caldo, non fa per me 😂) allora ho gustato un risotto con la salamella, piatto tipico mantovano e mi sono rinfrescata con una granita ghiacciata a metà pomeriggio, dato le temperature elevate. Poi ho fatto una passeggiata in riva al lago e ammirato i fiori di loto (solo nei laghi di Mantova e in Oriente crescono questi splendidi fiori).
Si dice che i tuberi del fiore di loto siano stati introdotti da Anna Maria Pellegreffi, che, nel 1921 pensò di sfruttare la farina ricavata dai rizomi per l’alimentazione. Invece una leggenda più romantica fa risalire la nascita dei fiori di loto ad una storia d’amore in cui una giovane donna di origini orientali, morì cadendo nelle acque del lago in cui si stava specchiando e l’amato, disperato, prima di gettarsi nel lago per seguire la sorte dell’amata, vi sparse i semi del fior di loto, affinché il profumo e la delicatezza dei fiori che si aprono nella stagione estiva ricordassero per sempre il profumo e la dolcezza della sua amata.
Infine sono entrata nel Santuario affollato di pellegrini ad ammirare la Chiesa e ad osservare quel coccodrillo imbalsamato appeso al soffitto al centro della navata.
Ogni volta che lo guardo mi inquieta un poco!😂 VOI COME AVETE PASSATO FERRAGOSTO E I GIORNI SUCCESSIVI?


lunedì 14 agosto 2017

RECENSIONE FILM "FULL MONTY" CON ROBERT CARLYLE

Ieri ho pubblicato una nuova recensione sul Termopolio. Questa volta si tratta del film "Full Monty", qui il link (commentate anche su il post del Termopolio se volete) ➡ http://www.iltermopolio.com/cinema/full-monty-squattrinati-organizzati
che casualmente uscì negli USA proprio il 13 agosto del 1997, un film cult del cinema di genere commedia (molti ricorderanno il film soprattutto per la celebre scena finale dello spogliarello integrale dei protagonisti) ma che tratta anche tematiche serie come la disoccupazione.
Ad oggi "Full Monty" si trova al ventitreesimo posto nella lista dei più grandi successi al botteghino cinematografico britannico e ha ottenuto quattro nomination all'Oscar nelle categorie miglior film, regia (Peter Cattaneo), sceneggiatura originale (Simon Beaufoy) e musiche (Anne Dudley), vincendo un oscar per le musiche. Nel 2000 inoltre diventa un musical di Broadway e nel 2013 il film è stato riadattato dallo sceneggiatore Simon Beufoy in una pièce teatrale. A me il film è piaciuto molto, l'ho trovato spiritoso ma nel contempo intelligente, con un ottimo cast, su tutti Robert Carlyle (Rumpelstiltskin o meglio "Tremotino" in "Once Upon A Time") uno degli attori europei più espressivi secondo me. A proposito di Robert Carlyle, conoscete la sua storia e i ruoli che lo hanno reso famoso? Qui ➡ http://gattaracinefila.blogspot.it/2016/01/robert-carlyle-fare-il-cattivo-e-un.html trovate un articolo che ho scritto l'anno scorso su di lui!
VOI AVETE VISTO IL FILM "FULL MONTY"? VI È PIACIUTO? BUON FERRAGOSTO!💖

mercoledì 9 agosto 2017

PRESENTAZIONE IN ANTEPRIMA DEL LIBRO "COME FARE FILM INDIPENDENTI E USCIRNE VIVI" DIARIO DI BORDO DEL FILM MODA MIA DI MARCO POLLINI

Buongiorno a tutti! Oggi nuova collaborazione questa volta con l'ufficio stampa Echo per pubblicizzare un nuovo libro
COME FARE UN FILM INDIPENDENTE E USCIRNE VIVI”
DIARIO DI BORDO DEL FILM MODA MIA
di MARCO POLLINI
regista del film “Le Badanti”, film che è stato presentato il 19 maggio 2014 al prestigioso Marchè Du Film del Festival di Cannes e in anteprima alla Mostra internazionale d'Arte Cinematografica al Lido di Venezia nel 2014 e anche produttore e distributore di Film di successo quali Conducta di Ernesto Daranas e Fiore del deserto di Shelly Hormman e del Film Moda mia uscito il 23 Marzo 2016 che racconta la storia di un ragazzino di 16 anni con un grande sogno: diventare uno stilista di moda. Peccato che viva nella Sardegna rurale e con una situazione familiare difficile. Ma lui non si arrenderà facilmente. Ora Marco Pollini ha realizzato il primo prodotto editoriale che porta la sua firma: “Come fare un film indipendente e uscirne vivi” - “Diario di bordo di Moda mia”.
Il libro sarà presentato in anteprima il 12 Agosto a Samassi (Cagliari), il 13 Agosto a Cannigione presso la Piazzetta del Residence Tanca Manna (strada Caniggione-Palau) e nei giorni successivi nella piazza del municipio di Arzachena. L’autore Marco Pollini presenterà il suo primo libro e firmerà le copie per i presenti.
Ma di cosa parla "Come fare un film indipendente e uscirne vivi” - “Diario di bordo di Moda mia”? È un piccolo saggio semiserio che racconta le vicende racchiuse in manciate di giorni di riprese vissute dal regista e la sua troupe, alle prese con budget ridotti, cast indisciplinato, inconvenienti dell'ultimo secondo e un regista donchisciottesco con lo sguardo rivolto al sole della Sardegna.
Infatti lontano dalla grande distribuzione cinematografica, c'è un mondo di appassionati registi indipendenti che lavorano in silenzio, senza pretendere nulla, ostacolati dalla burocrazia e da mancanza di appoggi che consentano loro di dedicarsi alla propria arte in santa pace. Tra loro Marco Pollini della produzione e distribuzione indipendente Ahora, i film vuol girarli comunque, nonostante tutto e tutti, solo come don Chisciotte contro i mulini a vento. Li vuole fare ora perché la vita è rischio ed è meglio mettersi in gioco, piuttosto di aspettare. “Io la penso cosi” dice Pollini che con dedizione instancabile e un pizzico di follia ha realizzato il suo secondo film Moda mia, pellicola indipendente frutto di un'estate sarda, di una passione per il proprio lavoro, di una caparbietà parossistica. Un libro che non insegnerà né come si realizza un film indipendente, né tantomeno come si fa a sopravvivere a quello tzunami che investe la tua vita quando ti imbarchi nella folle avventura di farlo!” sempre citando Ammendola, ma forse porterà i lettori a riflettere che a volte le passioni sono più forti della razionalità e alcune storie meritano di essere raccontate.
Il libro contiene inoltre più di 30 foto inedite e cinematografiche del set del film, i backstage, i protagonisti e altri scatti rubati. “Come fare un film indipendente e uscirne vivi” - “Diario di bordo di Moda mia” edito da edizioni Falso Piano uscirà il 5 ottobre 2017 in tutte le librerie d'Italia.