venerdì 21 aprile 2017

APRILE CHE SEMBRA NOVEMBRE❄ E RECENSIONE DEL FILM "LA LEGGENDA DEGLI UOMINI STRAORDINARI"

Ho il naso gelato, le orecchie gelate e i piedi gelati. Non sono in Lapponia, ma sono seduta in scrivania nella mia camera e la temperatura è sui 18 gradi perchè i termosifoni sono spenti e chissà quando li accenderanno di nuovo nel mio condominio.
Probabilmente a maggio quando ci sarà caldo!😂 Comunque oggi non voglio farvi le previsioni meteo ma recensirvi un film.

Prendete Allan Quatermann l'avventuriero delle miniere di Re Salomone, Mina Harker (la moglie di Jonathan Harker di Dracula, qui diventata vampira lei stessa), il vanitoso Dorian Gray che fa un patto con il diavolo in modo di rimanere eternamente giovane e bello facendo invecchiare al proprio posto il suo ritratto, il dottor Jekyll (con tanto di Mr. Hyde appresso in versione gigante che assomiglia al gobbo di Notre Dame), l'uomo invisibile, Tom Sawyer di Mark Twain e il Capitano Nemo che assomiglia ad un pirata. Avete presente la canzone "Ci son due coccodrilli ed un orangotango, due piccoli serpenti, un'aquila reale, il gatto, il topo, l'elefante non manca più nessuno: solo non si vedono i due liocorni? Ecco in questo mix tra personaggi della Londra Vittoriana, 20000 Leghe Sotto I Mari, Jules Verne, Salgari manca solo Frankenstein. E poi c'è anche M che non è il capo di James Bond ma avrà a che fare con Allan Quatermann interpretato dall'attore scozzese Sean Connery che è stato 007 molti anni fa.
No non sto delirando, questi sono i protagonisti del film del 2003 "La leggenda degli uomini straordinari" basata sulla graphic novel di Alan Moore. Tutti questi personaggi si alleano (ma non manca qualche battibecco) in nome del Bene per sconfiggere il malefico Fantasma e sventare il suo folle piano di distruzione del mondo. Ma il gruppo scoprirà  ben presto a proprie spese che tutto è molto più complicato del previsto. E non solo perchè devono raggiungere Venezia (città che rischia di essere bombardata) con un Nautilus (che sfila con disinvoltura tra i canali) ma anche perché alcuni personaggi nascondono dei segreti. "La leggenda degli uomini straordinari" è un bel film d'intrattenimento ma è troppo esagerato, un blockbuster tutta azione, bombardamenti, combattimenti ed effetti speciali. Non esiste una logica in questo film dall'ambientazione vintage. I protagonisti però sono godibili, divertenti, tutti guidati dal grande Sean Connery. VOTO 6,5

martedì 18 aprile 2017

IL MIO PASQUA E PASQUETTA ED ANTEPRIMA FIPILI HORROR FESTIVAL

Buon pomeriggio a tutti!👋 Come avete passato Pasqua e Pasquetta? Io a tavola!😋 Per Pasqua pranzo a casa con le lasagne, uova di Pasqua e colomba e per Pasquetta al ristorante con i miei parenti a mangiare piatti tipici mantovani. E ovviamente dopo una lunga passeggiata in centro città per smaltire il tutto!😂
Ma ora torniamo al blog, oggi ci presento una NUOVA COLLABORAZIONE che è avvenuta grazie al termopolio, la rivista con cui collaboro. L'ufficio stampa del FIPILI Horror Festival ha inviato a noi della rivista il materiale per pubblicizzare il festival. Dal 22 al 25 aprile 2017 Livorno accoglierà la sesta edizione dell'evento cine-letterario dell’horror e del fantastico Fipili Horror Festival dove si riuniscono cineasti, artisti, scrittori accomunati dalla passione per il mondo del terrore e del fantastico.

Nei 4 giorni del festival si terranno eventi, proiezioni, anteprime nazionali, interviste esclusive, incontri letterari, tutti pronti ad indagare il tema della paura e ciò che evoca in noi. Il FIPILI Horror Festival è promosso da Comune di Livorno, Nuovo Teatro delle Commedie, Scuola Carver, Cinema La Gran Guardia, Cecchi Gori Home Video, Nocturno, Erboristerie Benetti, Itinera.
PROGRAMMA:
SABATO 22 APRILE  2017

NUOVO TEATRO DELLE COMMEDIE
15:00 Concorso  cortometraggi “FI PI LI HORROR FESTIVAL 2017” categoria Horror e Thriller.
17:30 FOYER  Inaugurazione Mostra di Enzo Sciotti: “Fulci e gli altri”
21:30“HAI PAURA?” –  videoreport: livorno e la paura.
22:00 “MILANO VIA PADOVA” di Antonio Rezza e Flavia Mastrella, ita 2016. Proiezione esclusiva in collaborazione con Nuovo Teatro delle Commedie.
Cinema LA GRAN GUARDIA
18:30 “PADRONI DI CASA” di Edoardo Gabbriellini, ita 2012. Introducono il film il regista Edoardo Gabbriellini e Fabio Canessa.
21:15 Frusciante intervista Argento. Videointervista esclusiva di Federico Frusciante al Maestro Dario Argento
21:45 NOCTURNO FILM e CECCHI GORI ENTERTAINMENT presentano:- Speciale DARIO ARGENTO -
Backstage inedito del film  “OPERA”. Anteprima Nazionale.
“4 MOSCHE DI VELLUTO GRIGIO” di  Dario Argento, ita 1971.Proiezione edizione integrale restaurata.


DOMENICA 23 APRILE 2017
NUOVO TEATRO DELLE COMMEDIE
10:00 WORKSHOP EFFETTI SPECIALI con SERGIO STIVALETTI  SCUOLA FANTASTIC FORGE.                 
Prima parte.
11:00 FOYER. “Il Seme della Follia” – Primo raduno nazionale fan page John Carpenter.                                                  Ritrovo e presentazione eventi.
12:30 Concorso Cortometraggi “FI PI LI HORROR FESTIVAL 2017” categoria cortometraggi internazionali.
14:00 Concorso Cortometraggi “FI PI LI HORROR FESTIVAL 2017” categoria Horror e Thriller.
16:00 Concorso Cortometraggi “FI PI LI HORROR FESTIVAL 2017” categoria Fantascienza e Fantastico.
17:30 FOYER. “Libri di Sangue “ - incontri letterari. Ospite la scrittrice FRANCESCA BERTUZZI.In collaborazione con Scuola Carver.
18:30  Segnali dal Futuro - presentazione del film “IN UN GIORNO LA FINE” di Daniele Misischia.
18:50“OMICIDIO IN ERBORISTERIA” radio romanzo giallo.  quiz con premi in palio in collaborazione con Erboristerie Benetti
19:30 L’ANGOLO DEL  FRUSCIANTE. “JOHN CARPENTER” con proiezione del cortometraggio inedito “Captain Voyeur”. In collaborazione con “il seme della follia fan page john carpenter”.
21:00 “SOLAMENTE NERO” di Antonio Bido, ita 1978. Introducono il film il regista Antonio Bido e lo scrittore Antonio Tentori.
23:00i Licaoni presentano : KRAKATOA LATE NIGHT SHOW
SALA ASILI NOTTURNI
14:00 WORKSHOP EFFETTI SPECIALI con SERGIO STIVALETTI  SCUOLA FANTASTIC FORGE.                 
Seconda parte.
17:00 Consegna riconoscimento a Sergio Stivaletti e rilascio attestati partecipazione workshop.
17:45 Analisi del film “1997:Fuga da New York” di John Carpenter. a cura di doppiaggi italioti

21:30Segnali dal Futuro - proiezione del film  “POSSESSIONE DEMONIACA” di Alessio Nenc


LUNEDI’ 24 APRILE 2017
NUOVO TEATRO DELLE COMMEDIE
10:30 Concorso Cortometraggi “FI PI LI HORROR FESTIVAL 2017” categoria cortometraggi Internazionali.
12:00 Gli Scanners di Film TV - “ THE EDITOR” di Adam Brooks e Mattew Kennedy,Canada 2014. V.O. con sottotitoli. Introduce Claudio Bartolini. 
14:00 Concorso Cortometraggi “FI PI LI HORROR FESTIVAL 2017” categoria Horror e Thriller.
16:00 Concorso Cortometraggi “FI PI LI HORROR FESTIVAL 2017” categoria Fantascienza e Fantastico.
17:30FOYER. “TEX: I NUMERI DELLA PAURA” Conversazione con il filosofo Giulio Giorello. Introduce Fabio Canessa.
18:30 "VOLERE VOLARE” di Maurizio Nichetti, ita 1991. Introduce il film il regista Maurizio Nichetti.
19:00 FOYER. “Libri di Sangue - incontri letterari”. presentazione del libro “ GLI ALFABETI DELLA MORTE” di Eduardo Cocciardo.  Reading di Michele Crestacci.
21:00 L’ANGOLO DEL  FRUSCIANTE. “ Frusciante in oriente, il cinema horror Coreano”
21:30“BALLAD IN BLOOD” di Ruggero Deodato, ita 2016. Introducono il regista Ruggero Deodato e la protagonista Carlotta Morelli.
23:31“31” di Rob Zombie, usa 2016.
SALA ASILI NOTTURNI
10:00 WORKSHOP di REGIA CINEMATOGRAFICA con Fabio Guaglione e Fabio Resinaro.
16:00 “Da Roger Rabbit a Volere Volare, anni di ibridazione nel cinema tra animazione e reale”     Masterclass con il regista Maurizio Nichetti
17:00 “WHEN THE BOUGH BREAKS” di Jon Cassar, usa 2016.       Anteprima Nazionale in collaborazione con Universal Pictures Italia.


MARTEDI’ 25 APRILE 2017
NUOVO TEATRO DELLE COMMEDIE
11:00 “Il Fine Ultimo della Scrittura è la Creazione della Paura”      Masterclass con lo scrittore Tim Willocks.
12:00 Gli Scanners di Film TV - “ FRANCESCA” di Luciano Onetti, Argentina 2015.     Introduce Claudio Bartolini. 
 14:00  Concorso Cortometraggi “FI PI LI HORROR FESTIVAL 2017” categoria Horror e Thriller.
15:30  “Due Note in Nero”            Masterclass su Lucio Fulci con Federico Frusciante e il compositore Fabio Frizzi.
16:30 “Libri di Sangue – incontri letterari” presentazione del libro “IL GUARDIANO DEL PARCO”  di Franco Trentanlace e Marco Limberti. Premio Fi Pi Li Horror Book 2017.
17:30 “BiblioFilm” presentazione del libro: “AUTOBIOGRAFIA INVOLONTARIA” di Maurizio Nichetti. Introduce Claudio Bartolini.
18:30 Premiazione Concorso Letterario “ LA PAURA FA 90 RIGHE” con ospiti e giuria.
19:00 “OMICIDIO IN ERBORISTERIA” radio romanzo giallo.        quiz con premi in palio in collaborazione con Erboristerie Benetti
19:30 Premiazione Concorso Cortometraggi “ Fi Pi Li Horror Festival 2017”con ospiti e giuria.
SALA ASILI NOTTURNI
10:00 / 17:00  Concorso Cortometraggi “Selezione Vincent Dawn – premio del pubblico”
18:00 Analisi del film  “SETTE NOTE IN NERO” di Lucio Fulci.
Cinema LA GRAN GUARDIA
21:00 Proiezione cortometraggi vincitori “Fi Pi Li Horror Festival 2017”
21:30 “THE WAILING” di Na Nong- Jiin. corea del sud 2016. V.O. con sottotitoli    introducono il film Caterina Liverani e Riccardo Gelli. in collaborazione con Korean Film Fest Firenze







Le Mostre del Fi Pi Li Horror Festival 2017
(presso il Foyer del Nuovo Teatro delle Commedie)
- “Fulci e gli altri - le opere di Enzo Sciotti”.  22 e 23 aprile
- “La notte livornese del dottor Fulci” – 13 opere originali ispirate ai film di Lucio Fulci.  24 e 25 aprile.
PER INFO:
www.fipilihorrorfestival.it


venerdì 14 aprile 2017

TUTTO SU LILY COLLINS

INTANTO BUONA PASQUA A TUTTI!💕 Il 20 aprile 2017 uscirà nei cinema il film "L'eccezione alla regola" con protagonista la talentuosa Lily Collins e oggi ve la presento.

Lily ha una particolare caratteristica, già vista in attrici come  Audrey Hepburn e Liz Taylor: ha le sopracciglia folte. E pensare che da ragazzina odiava le sue sopracciglia e cercava
disperatamente di sfoltirle, poi ha capito che erano il suo marchio di fabbrica. Brava Lily! Pochissime starebbero bene con le sopracciglia lunghe e ravvicinate, ma a lei donano molto! Lily nasce nel 1989 a Guildford. É figlia di Phil Collins, il famoso musicista britannico dei Genesis. Lily ha cominciato a recitare a due anni in una serie (SÌ AVETE LETTO BENE DUE ANNI!!) della BBC Growing Pains. A 5 anni dopo la separazione dei suoi genitori si trasferisce in California e ha le sue prime esperienze di recitazione teatrale in un'accademia giovanile di arte drammatica, ma prima di recitare seriamente vuole finire gli studi. Intanto da adolescente si appassiona anche al giornalismo, scrivendo per Elle Girl, Seventeen, Teen Vogue e il Los Angeles Times. Nel 2008 è eletta da Glamour modella internazionale dell'anno, vince un Young Hollywood Award come Newest Red Carpet Correspondent e appare in due episodi della serie televisiva 90210, incluso il finale della stagione 2008-2009. Nel 2009 appare sulla copertina del numero di agosto di Glamour ed ottiene i primi ruoli cinematografici.
THE BLIND SIDE (2009)
Qui Lily interpreta un piccolo ruolo cioè l’intelligente e altruista figlia di Leigh Anne Tuohy (Sandra Bullock). Il film si basa sul libro di Michael Lewis The Blind Side: Evolution of a Game, che racconta la vita di Michael Oher dalla sua problematica adolescenza fino a quando non viene adottato dalla famiglia Tuohy e diviene un giocatore di football americano professionista coi Baltimore Ravens.
ABDUCTION  (2011)
In questo film interpreta Karen l'amica del protagonista Taylor Lautner nel film Abduction - Riprenditi la tua vita.
È un thriller di John Singleton nel quale Taylor Lautner interpreta un adolescente che vede la sua vita stravolta da una scoperta sconcertante, quella di non essere il figlio di quelli che ha sempre considerato i suoi genitori. Quando scopre una sua foto di quando era bambino su un sito dedicato a persone scomparse, si rende conto improvvisamente, che la sua vita passata, fino a quel momento, è stata tutta una menzogna. É un film d'intrattenimento, movimentato, un teen-movie perfetto per passare una serata spensierata.
SHADOWHUNTERS (CITTÀ DI OSSA) 2013
Il film è tratto dall’omonimo romanzo di Cassandra Clare e distribuito dalla Eagle (di Twilight) ma non ha riscosso lo stesso successo. Il film racconta la storia di una ragazzina di nome Clary che dopo il rapimento di sua mamma, scopre di avere grandi poteri grazie ai quali riesce a vedere i demoni che abitano sotto New York e che il suo destino è combatterli insieme ad una squadra di shadowhunters, cacciatrice di demoni. Il film ha ricevuto critiche negative ma io l'ho apprezzato (ho scritto anche una recensione a riguardo qui http://gattaracinefila.blogspot.com/2016/08/shadowhunters-il-fanta-horror-migliore.html). Lily Collins era perfetta per quel ruolo e anche il co-protagonista maschile Jamie Cambpell Bower.
BIANCANEVE (2012)
È il suo primo ruolo da protagonista e per la prima volta nei panni di una principessa delle fiabe. La sua Biancaneve non è indifesa, è dolce ma soprattutto una guerriera, sa tirare di spada, non aspetta il principe azzurro e sa difendersi da sola.

Ho preferito questa versione allegra, comica rispetto alla versione dark di Biancaneve e il cacciatore con Kristen Stewart e Charlize Theron. Da non perdere il momento in cui Lily Collins intona anche una canzone (registrata ad insaputa del padre per fargli una sorpresa) mostrando ottime doti canore.
SCRIVIMI ANCORA (2013)
Nel 2013 recita nel film "Love, Rosie" adattamento cinematografico del libro "Scrivimi ancora" della Ahern, dove recita accanto a Sam Caflin.
L'ECCEZIONE ALLA REGOLA (2017)
Lily ritorna protagonista in una pellicola dal sapore della vecchia Hollywood.
Nel 1958, la ventiduenne battista Marla Mabrea aspira a diventare un'attrice e decide di andare ad Hollywood. Poco prima anche Frank Forbes, ambizioso e giovane uomo d'affari e devoto metodista, si sposta a Los Angeles. La loro figura di riferimento sarà l'eclettico Howard Hughes. Il film ha un cast eccezionale da Warren Beatty (che dirige anche) a  Alden Ehrenreich (Beautiful creatures), Alec Baldwin, Annette Bening e Matthew Broderick.


CURIOSITÀ:
È laureata presso l'istituto di coeducazione Harvard-Westlake School a Los Angeles e sostiene la specializzazione in giornalismo televisivo presso la University of Southern California.
Ha scritto una propria autobiografia: Unfiltered: No Shame, No Regrets, Just Me. (Senza filtro: senza vergogna, senza rimpianti, solo io).
Ha avuto relazioni con i suoi colleghi di set Taylor Lautner e Jamie Cambpell Bower.

lunedì 10 aprile 2017

FACCIAMO IL PUNTO DELLA SITUAZIONE E RECENSIONE DEL FILM "THE GIVER - IL MONDO DI JONAS"

Facciamo il punto della situazione:
1) Sto leggendo un nuovo libro "A spasso con Bob"
Non vi dico la fatica per trovare questo libro, ho girato tutte le librerie della mia città e non c'è n'era traccia, era desaparecidos! Poi mia zia me l'ha regalato per Natale dopo averlo ordinato!


Ha una scrittura semplice ma la storia entra subito nel cuore. Per quanto riguarda il film, anche lui è scomparso (sì è rimasto nei cinema per pochissimi giorni) ma quando lo trasmetteranno in tv lo guarderò sicuramente!😽
2)Le giornate si allungano, le temperature
diventano più miti, i giardini si colorano e ... a me viene mal di gola a causa di questi fastidiosi sbalzi climatici 😂 Comunque sono felice che sia arrivata la primavera!🌺
3)
Ho guardato il film "The giver - Il mondo di Jonas" in cui in un futuro distopico il mondo é privo di emozioni, privo di colori (l'inizio del film é in bianco e nero!) regna l'uniformità. Per gli uomini, le donne e i bambini decide un consiglio di anziani, riunito periodicamente a sancire i passaggi evolutivi dei membri della comunità. Durante la Cerimonia dei 12, che accompagna gli adolescenti verso la vita adulta affidando loro il mestiere che meglio ne identifica le inclinazioni, Jonas (Brenton Thwaites SÌ LUI IL PRINCIPE PIÙ INUTILE DELLA STORIA in "MALEFICENT" qui finalmente convincente nei panni del giovane eroe) diventa custode delle memorie e capirà che il mondo non è solo bianco e nero ma ha tanti colori così come le emozioni che hanno tante sfumature e . Il mondo di Jonas ha un cast stellare, con attori che però qui appaiono tutti privi di sentimenti ed espressività come nella società in cui vivono. Su tutti Katie Holmes che per tutto il film ripete la frase "precisione di linguaggio" come un robot e l'ex vampiro Eric Northman, che ha lo sguardo smarrito per tutto il film. Sempre eccelsi, invece Meryl Streep, acconciata con una strana parrucca grigia (io all'inizio l'avevo scambiata per Glenn Close non so perché😂) e Jeff Bridges, l'ex Grinta cioè il Donatore l'unico custode delle emozioni e dei ricordi insieme a Jonas. Compare pure per dieci minuti Taylor Swift, la cantante country più ricca e celebre del mondo, qui in versione mora ed irriconoscibile (vedi foto).
Il film insegna che non si possono rifiutare e non considerare le sfumature del bene e del male, ci deve essere sia l'amore che l'odio, sia la gioia che la tristezza altrimenti non si ha più nulla per cui vivere, non siamo più umani ma robot. "The giver - Il mondo di Jonas" si può considerare la versione più "dolce" di "Hunger Games" manca giusto un po' di ritmo ed azione, bellissime le immagini, la cura dei dettagli, la fotografia e le ambientazioni, è un film molto carino. VOTO 7






venerdì 7 aprile 2017

INTERVISTA "UNA ZAMPA SUL CUORE" OGGI PRENDIAMO UN TÈ ☕ CON LA BLOGGER ANGELA E I SUOI GATTI SCOTTISH ELIA ED ANGIE 😽💕

Buon pomeriggio a tutti!👋 Oggi vi presento una nuova intervista per la rubrica "Una zampa sul cuore"!💖 La protagonista è Angela di https://unteconilgatto.com/
una ragazza che ho conosciuto su Instagram, gattara doc, creativa, amante dei cosmetici, dello shopping e dei suoi due Scottish, Elia e Angie (vedi foto). Conosciamola meglio...
PRESENTATI AGLI AMICI DELLA BLOGOSFERA ANGELA!💕
Mi chiamo Angela, ancora nei trenta, naturopata e studentessa.
Sono follemente innamorata dei gatti, e dei felini in modo più ampio, tanto da considerarmi una di loro. Da bambina sognavo di fare la veterinaria, da adolescente la ballerina, da giovane adulta l'attrice e da adulta ho scelto una strada completamente diversa e mi sono gioiosamente iscritta all'università. Pur seguendo un percorso di studi rigorosamente scientifico non ho certo messo da parte il mio lato creativo. Vivo con MezzaMela, mio marito dal 2013, uno scottish fold di nome Elia ed una scottish straight di nome Angie. Sono un pochino ossessionata dalle candele profumate, reggo proprio male l'alcool, soffro di sindrome premestruale, vorrei poter vivere solo di dolci. Credo di potermi definire credente ma non affiliata ad alcuna religione, odio tanto i mezzi pubblici, la pulizia è un vizio, mi piace dormire molto, non sopporto l'estate ed il caldo in generale, sono una mangiatrice compulsiva di sushi & pizza, ho un problema con i cani, amo passeggiare e non sono perfetta ( a volte mi vengono i brufoli...!). Potrei considerarmi curvy perché rientro nei canoni dettati da questa etichetta ma, pur supportando questo tipo di movimento, preferisco semplicemente qualificarmi come essere umano senza necessariamente infilarmi nel sadico gioco delle categorie sociali. Il vero Pride, io credo, è vivere sé stessi ogni giorno senza ghettizzarsi con aggettivi che servono solo a creare disparità fra le persone e quindi ad accentuare eventuali attriti.
ANCH'IO VOLEVO FARE LA VETERINARIA, AMO RECITARE E IL TEATRO, AMO I GATTI (MA QUESTO SI SA GIÀ), AMO I DOLCI E LA PIZZA E NON AMO IL CALDO. PARLIAMO DEL TUO BLOG: HA UN NOME PARTICOLARE "UN TÈ CON IL GATTO". PERCHÉ SI CHIAMA COSÌ?
Un tè con il gatto nasce dall'idea di voler condividere esperienze di vita, talune anche molto forti, così da creare una vicinanza con chi ha vissuto , o vive,  situazioni simili.  Il blog, che si è trasformato in una sorta di diario delle emozioni, tratta argomenti leggeri ( quali ad esempio le reviews di alcuni prodotti cosmetici ) ed argomenti un po' più impegnativi come quelli dell'anoressia e bulimia, del lutto, della tristezza che spesso segue a questo tipo di vissuto, della forza necessaria per rialzarsi e di come si può cercare di ricominciare. Ultimamente sto pensando di inserire qualche nuova categoria riguardante i viaggi ed imbastire una sorta di rubrica intitolata L'angolo della Naturopata per condividere le mie conoscenze in ambito olistico con i miei lettori e con chi avrà voglia di fermarsi a curiosare. Ovviamente ci sarà la possibilità di interagire direttamente con me attraverso i commenti così da poter ricevere dei consigli personalizzati del tutto gratuiti. Per quanto riguarda il nome, ho scelto di intitolare il mio blog Un tè con il gatto per unire tre cose che mi piacciono molto : i gatti, il tè e l'atmosfera che si respira nel paese delle meraviglie quando si fa una pausa in compagnia del Cappellaio Matto.
PRESENTA I TUOI GATTI ELIA ED ANGIE. COME SONO ENTRATI NELLA TUA VITA?
Sia io che MezzaMela abbiamo sempre avuto animali propri o comunque appartenenti alla nostra precedente famiglia così, dopo 4 anni di matrimonio, abbiamo deciso quasi congiuntamente di accogliere in casa un gatto tutto nostro. Abbiamo adottato Elia a fine novembre dello scorso anno mentre Angie è una new entry piuttosto recente. Non sappiamo con certezza se sono fratelli o fratellastri in ogni caso appartengono alla stessa razza, sono due Scottish. Elia è un fold perché ha le orecchie abbassate
mentre Angie è straight perché ha le orecchie "normali" , uguali a quelle di ogni altro gatto.

Pur condividendo la stessa linea di sangue i due mici hanno caratteri molto differenti. Elia è un gatto esageratamente metodico, lento, pigro e coccoloso. Angie, invece, tende ad essere un po' prepotente, è sveglia e non ama stare in braccio. Mentre Elia è stato scelto da entrambi, Angie rappresenta un mio desiderio. Ho voluto fortemente la femminuccia perché desideravo una coppia di gatti in cui ritrovare noi due.
IO AMO I SCOTTISH, SOPRATTUTTO I FOLD CON LE ORECCHIE ABBASSATE! 😍 HANNO DELLE PARTICOLARITÀ QUESTA RAZZA?
Per chi fosse interessato a questo tipo di razza è bene sapere che sono dei grandi chiacchieroni, che amano la compagnia e che prendere una coppia è sempre meglio che prendere un solo gatto in quanto tendono a soffrire un pochino la solitudine. Sono mici che non richiedono molta manutenzione perché pur essendo di "razza" non hanno esigenze diverse dai comuni gatti europei tuttavia bisogna essere consapevoli che entreranno prepotentemente a far parte della vostra famiglia in ogni singolo aspetto. Elia ed Angie, per esempio, non amano stare chiusi in una stanza neppure se si tratta della camera da letto ! Si siedono insieme sulla sedia in cucina durante i pasti, se facciamo il bagno si accovacciano sul tappetino della vasca sino a quando non usciamo, dormono forzatamente con noi perché altrimenti piangono e ... sono sempre pronti ad accompagnarci in vacanza.
Elia ha già spedito le valigie! 😂 Ah, un'ultima cosa, indovinate un po' chi è uno scottish fold molto molto famoso in ambito carton-cinematografico ? Ma lo Stregatto naturalmente!
NON SAPEVO CHE LO STREGATTO ERA UNO SCOTTISH FOLD!😍 QUALI SONO I TUOI HOBBY?
Definire con certezza quali sono i miei hobby è piuttosto difficile perché tendo ad essere un soggetto molto volubile. I miei interessi sono quelli che accomunano quasi tutte le donne : scarpe, abiti, trucchi e cucina. Non pretendo di essere una guru in nessun campo ma solo una persona a cui piace sperimentare e divertirsi. Essendo un po' nerd non vado quasi mai in palestra. Mi piacciono i giochi di ruolo, principalmente online anche se non mi dispiacerebbe partecipare ad una sessione live, mi piace passeggiare a lungo al mare o in montagna, mi piace fare shopping ed in particolare mi piace fare la spesa perché mi diverte girare per i supermercati o i discount. Sono molto contenta di poter spendere del tempo in compagnia dei miei gatti, mi diverte giocare con loro, mi piace ascoltare musica di genere diverso spaziando dal pop alla lirica e passando per il metal. Quando possibile mi piace molto viaggiare e vedere posti nuovi in particolar modo borghi e castelli medievali, mi piace girare in macchina di notte perché mi rilassa e mi piace andare a mangiare sushi oppure acquistarlo ed ingozzarmi a casa davanti ad un bel film. Sembrerà strano ma mi piace studiare e non mi devo vergognare ( citando Vasco ), mi piace starmene per conto mio ( magari in una casa in montagna o campagna dove si sente solo la natura ) e nel contempo mi piacerebbe partecipare ad un concerto di Zucchero, solo il suo però perché non sopporto molto i posti troppo affollati. Mi piace molto recitare anche se al momento mi è precluso a causa dei vari impegni, ogni tanto mi piace anche cucinare e mi piacerebbe imparare qualche ballo da sala, tipo tango o valzer. Può valere come hobby comprare vestiti online sul sito della EMP ? Facciamo di si per questa volta. Quando sono ispirata mi piace truccarmi un po' e non nego una certa fissazione per le foto di gatti, paesaggi e cibo. Naturalmente mi piace scrivere ma non a comando, solo quando mi va, solo quando sento di avere qualcosa da dire.
GRAZIE ANGELA, SEGUITE IL SUO INTERESSANTE BLOG https://unteconilgatto.com/ E SEGUITELA SU INSTAGRAM https://www.instagram.com/unteconilgatto








mercoledì 5 aprile 2017

RECENSIONE "THE WATER DIVINER" DI E CON RUSSELL CROWE


Lunedì ho visto un film ambientato nella terra dei canguri, l'Australia.
Il film s'intitola "The Water diviner", è ambientato quattro anni dopo la devastante battaglia di Gallipoli, in Turchia, durante la Prima Guerra Mondiale. Il protagonista è Connor (Russell Crowe doppiato dalla voce potente Luca Ward) un agricoltore e rabdomante australiano che intraprende un lungo viaggio in Turchia alla ricerca della verità riguardo la sorte dei suoi tre figli, dati per morti in battaglia. Qui ha una relazione con una bellissima donna turca vedova di guerra (Olga Kurylenko), proprietaria dell'albergo in cui alloggia. Animato dalla speranza e con l'aiuto di un ufficiale turco, Connor cerca i corpi dei suoi tre giovani figli, caduti fianco a fianco a Gallipoli, là dove ebbe luogo una delle più sanguinose battaglie della Prima Guerra Mondiale nel corso della quale le potenze della Triplice Intesa cercarono di oltrepassare lo stretto dei Dardanelli sottovalutando gli ottomani, il cui impero, nonostante fosse sull’orlo del collasso, era comunque ancora vivo e quindi i Turchi si batterono con valore. Nel corso di quello scontro persero la vita migliaia di soldati.

"The water diviner" è il primo film sia diretto che interpretato dal nostro ex gladiatore Russell Crowe e il risultato è più che positivo.
Crowe ha deciso di dirigere un film tratto da una storia vera: Andrew Anastasios, ex archeologo, è entrato in possesso di una lettera che menzionava un padre partito dall’Australia nel 1919 per cercare i figli morti in Turchia durante la Prima Guerra Mondiale. In seguito alla scoperta di questo documento ha deciso di realizzare un libro da cui è nata una sceneggiatura che ha dato vita al film. Il film inoltre è strettamente legato alla storia della terra di Crowe, la stupenda Australia, qui ritratta in tutta la sua meraviglia all'inizio del film con sconfinate paesaggi selvaggi (splendida la sequenza della tempesta di sabbia che coglie alla sprovvista i tre fratelli), prima che l'azione si sposti in Turchia (bellissima la sequenza che mostra l'interno decorato della moschea). Russell Crowe è perfetto nei panni di un padre provato dalla morte dei figli ma disposto a tutto pur di riunire la sua famiglia grazie alle sue doti di sensitivo.
"The water diviner" rappresenta con i flashback gli orrori generati dalla guerra, i combattimenti e i suoi morti (molto emotiva la scena in cui i tre fratelli si ritrovano feriti insieme) ma le scene non sono troppo crude. Ho amato questo film perchè porta alla luce una storia poco conosciuta (e vengono spiegate bene le ragioni della guerra sanguinosa) e perchè mostra gli usi, i costumi e la cultura del nemico l'impero Ottomano fatta di lusso, antiche leggende, rigide regole a cui le donne sono sottomesse. A proposito di donne, un personaggi più misteriosi e intensi del film The Water Diviner è l’albergatrice interpretata da una bravissima Olga Kurylenko che si cala alla perfezione nei panni di questa donna orientale.

L'unico difetto del film? Il finale frettoloso, il nostro caro Russell aveva fretta e ha tagliato e semplificato un po' troppo la fine. Lo perdoniamo? Sì il film merita un 7,5.
AVETE VISTO QUESTO FILM?


domenica 2 aprile 2017

PERCHÈ I GATTI TRICOLORE SONO FEMMINE E YANA LA GATTA CHIMERA STAR DEL WEB

Buona domenica a tutti!😘 Tra un post e l'altro oggi vi presento un nuovo Catpost, un articolo dedicato ad un gatto star di Instagram, il mio social preferito!💕 Oggi vi presento YANA un gatto chimera“, la cui "stranezza" è riconducibile alle cellule contenenti due tipi di DNA, frutto di due embrioni fusi assieme.

Questo evento non è raro perchè anche i nostri gatti calico o tricolori (bianco, rosso e nero) vengono definiti chimera e sono soprattutto femmine. Come mai solo femminucce? Nei felini le informazioni per la sintesi dei pigmenti nero e arancione si trovano in uno stesso gene che fa parte del cromosoma X. Perché si manifestino tutte le sfumature, i geni in posizione corrispondente nella coppia di cromosomi, devono essere presenti sui due cromosomi X. Tuttavia, solo le femmine hanno due cromosomi X, mentre i maschi hanno un corredo genetico di tipo XY (come nell'uomo). Ecco la spiegazione genetica! Ma la particolarità della tricolore Yana è il suo volto diviso in modo geometrico come se fosse stato tracciato con un righello in due parti di colore una arancione, una nera. La perfezione felina insomma! Questi gatti sono arrivati alla ribalta grazia a Venus, star felina del web che inoltre presenta anche un eterocromia, due occhi di colore diverso (vedi foto).

Ma ora é Yana la vera star!
Vive a Minsk, città della Bielorussia, con la sua umana Elizabeth, un architetto che l'ha adottata dopo aver letto un annuncio online in cui coppia di anziani non poteva più occuparsi della gattina. Elizabeth, colpita dalla bellezza singolare di Yana le ha dedicato un intero profilo Instagram (SEGUITELO ➡https://www.instagram.com/yanatwofacecat/)
che ha riscosso immediatamente molto successo!💖 ECCO ALCUNE FOTO:
Yana a spasso con il guizaglio
Yana in braccio alla sua proprietaria

Yana che si arrampica sugli alberi
NON É ADORABILE?🌺










giovedì 30 marzo 2017

I FANTASMI INVADONO LE FICTION RAI: "LA PORTA ROSSA" E "SORELLE"

In questo periodo pullulano sulla Rai le serie tv a tema paranormale. Da "La porta rossa" a "Sorelle" tantissimi telespettatori rimangono incollati alla tv a seguire queste serie misteriose e avvincenti. A me ha colpito particolarmente "La porta rossa" con Lino Guanciale e Gabriella Pession per tre motivi:
1) È una serie innovativa, un noir un mistery melò intricato che tiene con il fiato sospeso e non ci permette di intuire il colpevole fino alla fine della serie.
2) Il protagonista é il fantasma di un poliziotto che viene ucciso in un'imboscata e quando compare la «porta rossa» che conduce nell'aldilà, decide di rimanere sulla Terra per trovare il suo assassino e salvare sua moglie minacciata dallo stesso assassino. Un protagonista inusuale a parte quello del famoso film "Ghost".
3) L'ambientazione nella splendida città di Trieste, città magica, misteriosa ed enigmatica.
CLICCATE QUI ➡ http://www.iltermopolio.com/cinema/la-porta-rossa
PER LEGGERE LA RECENSIONE CHE HO SCRITTO PER IL TERMOPOLIO SU "LA PORTA ROSSA".
Un'altra serie melò mistery è "Sorelle", serie tv scritta da Ivan Cotroneo e Monica Rametta, con la regia di Cinzia Th Torrini, che vede protagonisti Anna Valle Ana Caterina Morariu, Giorgio Marchesi, Alessio Vassallo, Irene Ferri.
A fare da sfondo alla storia è Matera, una città unica nel suo genere, con i suoi Sassi. Chiara (Anna Valle) è un brillante avvocato, single, che vive a Roma dopo aver chiuso i contatti con la città dov'è cresciuta a causa di gravi litigi con la sorella Elena, separata con tre figli, e con la madre Antonia (Loretta Goggi), che accusa lievi sintomi di perdita di memoria. La misteriosa sparizione della sorella costringe Chiara a tornare per mettere ordine nella vita dei nipoti, e a fare i conti con il passato. Qui non si manifesta nessun fantasma ma aleggia la presenza della sorella di Chiara che vuole aiutare i suoi famigliari a scoprire la verità sulla sua morte, ci sono flashback, sogni premonitori. É una storia moderna che combina più generi cinematografici tra diversi livelli temporali in modo così di attirare un pubblico diversificato. È questo il successo di "Sorelle" e di "La porta rossa".
VOI AVETE SEGUITO O STATE SEGUENDO QUESTE SERIE?
 

martedì 28 marzo 2017

RECENSIONE "LA BELLA E LA BESTIA" 2017

Oggi vi recensisco la nuova versione de La Bella e la Bestia, diretta da Bill Condon con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Josh Gad, Ewan McGregor, Stanley Tucci, Ian McKellen ed Emma Thompson.

La trama la conoscete tutti ed molto fedele al film d’animazione del 1991 tratto dalla fiaba di Jeanne-Marie Leprince de Beaumont. Emma Watson che interpreta Belle l'ho trovata molto affine a questo personaggio, non solo nell'aspetto (anche se la Belle del cartone Disney secondo me ha un viso più dolce) ma anche nel carattere e nella passione per la lettura. Ho adorato questa Belle più avventurosa (si sacrifica per salvare suo padre ma promette di scappare mettendo in atto la fuga quando è prigioniera nella camera del castello della Bestia), eroica, femminista (non aspira a diventare moglie dell'uomo più ambito del paese)


e semplice (l'iconico abito giallo é meno sontuoso delle altre versioni, ma molto elegante). La Bestia, invece, non mi ha convinto molto. E non soltanto la sua rappresentazione (assomiglia ad un micione e non incute per niente timore), l'ho trovata poco espressiva. La sua storia viene anche poco approfondita come anche il passato della madre di Belle (lo so che per approfondire la vicenda il film si sarebbe dilungato come Titanic, però qualche accenno in più non avrebbe guastato). Però il talento canoro della Bestia è riconosciuto (bravissimo il doppiatore Luca Velletri ), la canzone Evermore fa venire la pelle d'oca e mi ha fatto ricordare la canzone cantata da Quasimodo quando si arrampica in cima alla cattedrale in "Il Gobbo di Notre Dame" (ecco l'effetto che provoca guardare tanti film Disney!😂). Comunque tutte le canzoni sono spettacolari, splendide quelle classiche che abbiamo già ascoltato nel cartone ma anche quelle aggiuntive! Una delle mie preferite è Stia con noi, quando Lumiere organizza insieme agli altri abitanti del castello (i miei preferiti sono Lumière e Tockins) una cena che è una vera festa realizzata in 3D con protagonisti gli oggetti animati, i cibi, le bevande e un tripudio di colori sgargianti, un vero spettacolo per gli occhi e anche quella intonata da Gaston nella locanda. A proposito di Gaston, interpretato dal bravo Luke Evans, è perfetto, uguale al suo personaggio animato in tutto per tutto, Gaston è vanitoso, maschilista, superficiale e insieme a LeTont fanno troppo ridere! Come sapete la presenza di LeTont personaggio omosessuale ha causato alcune controversie. Il film è stato vietato ai minori in Russia, in Malesia e in un cinema in Alabama. Polemiche inutili perché il suo orientamento sessuale è solo accennato e il suo personaggio l'ho apprezzato più qui che nella versione animata perchè ha del sale in zucca ed é dotato di cuore (cerca di sostenere Gaston e indirizzarlo verso la strada giusta quando lui sta per compiere azioni malvagie). Sì Gaston e LeTont sono i personaggi più riusciti del film! Di grande attualità i temi del film: il diritto di andare oltre i ruoli imposti dalla società, andare oltre le apparenze, la bellezza è anche interiore.
Manca in questa rivisitazione un tocco dark, qualcosa di spaventoso, tutto é troppo edulcorato. Consiglio questo film innanzitutto a chi ama i musical sontuosi (superbe le scenografie), perchè non tutti riescono a sopportare 2 ore con canti, balli, ai fan adulti e piccini della Disney e chi è fan della storia "La Bella e la Bestia" ed è disposto a vedere una storia già vista anche se in carne ed ossa. A me è piaciuto proprio per quello: è come se avessi visto al cinema una rivisitazione con gli attori del celebre film animato e sono uscita con gli occhi a cuoricino. VOTO 8 

domenica 26 marzo 2017

LA VERA STORIA DELLA BELLA E LA BESTIA

Oggi pomeriggio vado al cinema a vedere il film "La Bella e la Bestia"!🎊🎉 E nei prossimi giorni scriverò la recensione!💜 Voi conoscete però l'origine delle celebre fiaba europea “La Bella e la Bestia”? Lo sapete che é tratta da una storia realmente accaduta e ambientata tra la Francia e l’Italia? Le prime tracce scritte di storie d’amore simili vengono fatte risalire alla letteratura greco-latina del II secolo d.C. con la favola di “Amore e Psiche” narrata nel celebre libro “Le Metamorfosi” (o L’asino d’oro) di “Lucio Apuleio”, Nel 1550 lo scrittore italiano Giovanni Francesco Strparola realizzò la prima versione scritta de “La Bella e la Bestia” nel suo libro di racconti “Le piacevoli notti” e si ispirò alla storia di Petrus Gonsalvus (cioè Pedro Gonzales). Chi é costui? Pedro non era un mostro non preoccupatevi, nasce a Tenerife, nelle Canarie nel 1537 con l’ipertricosi congenita generalizzata, cioè aveva un’eccessiva crescita di peluria su tutto il corpo, compreso il volto, come un licantropo insomma.
Gonzales Gonsalvus era un discendente dei Guanci sconfitti e resi schiavi dalla conquista spagnola alla fine del ‘400, e all’età di 10 anni fu inviato nei Paesi Bassi come “regalo” al potente re Carlo V d’Asburgo per la sua singolare e caratteristica peluria ma durante la traversata fu catturato dai corsari francesi e fu trasportato all’interno di una gabbia come regalo al Re di Francia (il piccolo Gonzales ha avuto una vita più avventurosa di un romanzo di Salgari!) . Per fortuna il re e sua moglie Caterina de Medici rimasero subito colpiti dal particolare ragazzo e lo ospitarono a corte. Venne istruito dai grandi maestri di corte e prese il nome di Petrus Gonsalvus. Passarono gli anni e Petrus
aveva ormai 36 anni e la regina pensò che era giunto il momento di dargli una moglie (era già abbastanza attempato per l'epoca), così gli diede in sposa Catherine Raffelin, figlia di un cortigiano e la sua più bella damigella (vedi foto, avete notato l'abito giallo?).
La giovane fanciulla svenne al cospetto di Petrus, quando venne presentata per la prima volta al nobile come sua futura moglie. Era intimorita dal suo aspetto ma cercò di andare oltre le apparenze e di apprezzare altri aspetti di suo marito. Col tempo la personalità, la sensibilità, la dolcezza e la cultura di Petrus Gonsalvus finirono per conquistare veramente il suo cuore e i due si innamorarono. Dal loro amore nacquero ben 6 figli, quattro dei quali affetti da ipertricosi.
e rappresentarono i più antichi casi di ipertricosi documentati in Europa. Tra il 1580 e il 1590, con la rovina della dinastia Valois (quella dell’allora defunto Enrico II), Petrus fu ceduto dalla corona francese all’influente famiglia parmigiana Farnese che lo riconobbe come “selvaggio gentiluomo“, così insieme alla cara moglie e ai loro figli si recò in Italia, dove soggiornò alla corte di Margherita di Parma, la figlia naturale di Carlo V, il re al quale doveva essere destinato in precedenza. Successivamente si stabilì con la sua famiglia a Capodimonte sulle sponde del Lago di Bolsena, dove nel 1618 morì all’età di 81 anni e lasciando vedova la sua Catherine dopo oltre 40 anni di vita insieme. I particolari della sua vita sono conservati nell’Archivio del Vaticano e negli Archivi di Stato di Roma e Napoli. Catherine come Belle nella famosa fiaba ha considerato la bellezza interiore più importante di quella esteriore, è andata oltre le apparenze, ha cercato l'uomo nelle Bestia.
Comunque la versione della fiaba che oggi noi consideriamo maggiormente è quella del 1740 ad opera della scrittrice francese Gabrielle-Suzanne Barbot de Villeneuve ma non dimentichiamoci della storia di Pedro Gonzales! VOI CONOSCEVATE QUESTA STORIA?

mercoledì 22 marzo 2017

RECENSIONE ROMANZO L' ALLIEVA SEGRETA DEL PITTORE

L' ALLIEVA SEGRETA DEL PITTORE
SCRITTO DA CHARLOTTE BETTS (L'AUTRICE DI "IL GIARDINO DELLE SPEZIE SEGRETE")
Londra, 1688. Beth Ambrose ha sempre condotto una vita tranquilla e protetta a Merryfields, la casa di famiglia nelle campagne della capitale inglese. Un luogo dove i suoi genitori offrono rifugio alle anime malinconiche. Tra queste, vi è Johannes, pittore inquieto dal passato difficile, che si accorge del talento di Beth e fa di lei la sua apprendista. Quando in città le tensioni politiche iniziano a sconvolgere il paese, nel cuore della notte bussa alla porta di casa Ambrose Noah Leyton, con una proposta che sconvolgerà l’intero mondo di Beth. Nel frattempo a Merryfields trova rifugio un nuovo ospite misterioso, che dà a Beth l’opportunità di realizzare le proprie ambizioni artistiche. Ma ben presto la ragazza si renderà conto che c’è un prezzo molto alto da pagare per realizzare i propri sogni… Mentre la Gloriosa Rivoluzione getta il Paese nel caos, riuscirà Beth a trovare il coraggio di seguire il proprio cuore e difendere il suo mondo?
Difficile catalogare il libro "L'allieva segreta del pittore", é un un ROMANZO ROSA perché viene raccontata una storia d’ amore dolcissima, un ROMANZO STORICO perché é ambientato a Londra e nelle campagne circostanti durante la Gloriosa Rivoluzione della seconda metà del XVII secolo che vede contrapposti cattolici e anglicani, un ROMANZO CLASSICO perché assomiglia ad "Orgoglio e pregiudizio", è ambientato nella campagna inglese e la protagonista è assolutamente diversa da tutte le altre ragazze dell’epoca: lei non ha intenzione di sposare un uomo per far figli e occuparsi della casa, non vuole smettere di dipingere per un marito e non si fa conquistare da nessun pretendente ricco. Impossibile non immedesimarsi in Beth, una ragazza con un carattere stupendo, sempre pronta ad aiutare il prossimo e a mettere la felicità degli altri al primo posto, sincera, moderna ed impavida. Ha un grande talento per la pittura, talmente potente che è disposta a sacrificare gli affetti e il matrimonio in nome dell'arte. Ma in questo libro non c'è solo lo straordinario personaggio di Beth, ma anche la Principessa Anna, futura Regina protestante, ospite a Merryfield per curare la tristezza che la attanaglia a causa della perdita del bambino che aspettava che cambierà la vita di Beth. E Cecily, la sorellina di Beth, innamorata persa del ragazzo sbagliato che da ragazzina superficiale diventerà una signorina più responsabile. Ma soprattutto vi affezionerete alla coppia Beth-Noah. Noah arriva all'improvviso a Merryfield dalla lontana Virginia, è un architetto e sogna di costruire grandi monumenti. Ama l'arte come Beth ed entrambi aspirano a qualcosa di più grande della loro semplice vita. Il loro rapporto inizia come un'amicizia fino a diventare un amore importante (chi non vorrebbe un corteggiatore come Noah?). La parte più bella del romanzo è dalla metà in poi, il finale tiene con il fiato in sospeso ed è molto coinvolgente, ho adorato questo libro, fin dall'inizio quando l'ho scoperto grazie ad Instagram rimanendo catturata dalla splendida copertina! Consiglio questo romanzo alle ragazze eterne romantiche e a chi ama i romanzi storici, anche se il personaggio di Beth è molto attuale perchè ancora molte donne si devono barcamenare tra lavoro e famiglia.



domenica 19 marzo 2017

OGGI VI PARLO UN PO' DI ME ➕ RECENSIONE DEL FILM "LA TARTARUGA ROSSA"

Oggi vi parlo un po' di me a ruota libera. Intanto buona festa del papà a tutti! 🎉🎊 Un dolce non può mai mancare se è festa e quindi oggi abbiamo festeggiato in famiglia gustando la torta Elvezia, una specialità tipica di Mantova! Ecco una foto!😋
HO UN CELLULARE NUOVO
Proprio due giorni prima del mio compleanno il mio cellulare è MORTO! Nel vero senso della parola, si è esaurita la batteria dopo tre anni di onorato servizio! Quindi come regalo di compleanno con le mance ho comprato un cellulare nuovo, sempre un Nokia Lumia, ma un modello innovativo e più tecnologico.
Ieri ho voluto subito farmi fare delle foto, eccomi nel'area archeologica di Piazza Sordello a Mantova!💕
LAVORO
Quando ti telefonano e ti propongono un colloquio di lavoro, tu ci vai accompagnata da tua mamma e si rivela tutt'altro (volantinaggio ad esempio!) Fatto!✔ Va bene che era venerdì 17, ma anche i lavori falsi come mostravano ad un servizio delle "Iene" mi mancavano! Spero che voi sul fronte lavorativo siete messi meglio!
HO SCRITTO UN NUOVO ARTICOLO PER IL TERMOPOLIO
Il 27, 28 e 29 marzo uscirà nei cinema il film d'animazione "La tartaruga rossa" di Michaël Dudok de Wit, una coproduzione belga, francese e giapponese firmata Studio Ghibli. In anteprima vi presento la recensione, ecco il link ➡ http://www.iltermopolio.com/cinema/la-tartaruga-rossa

VI PIACCIONO I FILM DELLO STUDIO GHIBLI?

venerdì 17 marzo 2017

TUTTO SU EMMA WATSON

Si parla ovunque della nuova Belle cinematografica, protagonista de "La Bella e la Bestia". Sì sto parlando di Emma Watson, anzi Emma Charlotte Duerre Watson.

Lo sapevate che è nata a Parigi? Ha vissuto nella Ville Lumière fino all'età di 5 anni, poi i suoi genitori hanno divorziato e lei si è trasferita nell'Oxfordshire insieme alla madre alternando delle settimane a casa del padre a Londra. Il suo interesse per la recitazione nasce a scuola ed è lì che partecipa alle prime recite scolastiche. Ad appena 9 anni partecipa alle audizioni per il primo film di Harry Potter, che uscirà nel 2001 ed ottiene il ruolo di Hermione, la saggia e studiosa amica di Harry Potter, un ruolo che la farà conoscere in tutto il mondo.
Recita in questa saga fino 2010 e per dire addio definitivamente ad Hermione da un taglio ai suoi capelli e li trasforma in un “pixie cut”, cioè in taglio da fatina (gli donano i capelli corti, ma io la preferisco con i capelli lunghi!). Io non avrei mai avuto il coraggio di tagliarli cortissimi!
Ma torniamo alla vita di Emma. L'attrice si iscrive all’università ma nel 2012 torna a recitare come protagonista del film “Noi siamo infinito”, a cui seguono "Bling Ring", "Noah", "Regression", "Colonia"... Ho seguito poco Emma Watson (solo nella saga di "Harry Potter) ma la considero una brava attrice e un modello da seguire e ora non vedo l'ora di scoprire come ha interpretato "Belle ribelle" nel film Disney, chiamata così perché l'eroina di questo film sarà molto indipendente e tosta.
CURIOSITÀ:
È anche stilista: nel 2009 viene coinvolta come consulente creativo per People Tree, un marchio di moda equo-solidale e con loro nel 2011, dopo una visita ai bassifondi Dhaka in Bangladesh, crea una linea di moda sostenibile. Al Met Gala del 2016 Emma si è presentata con un abito realizzato con plastica riciclata e tessuto biologico nato dalla collaborazione tra Calvin Klein ed Eco-Age (vedi foto!)


Il 7 luglio 2014 viene nominata Goodwill Ambassador, ambasciatrice di buona volontà dall'UN Women, l'organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa della parità di genere. In questo ruolo pronuncia presso l'ONU il discorso per il lancio della campagna #HeforShe dove si dichiara femminista. E quando recentemente si è sollevato il polverone perché ha posato per una foto sexy su Vanity Fair, Emma sempre da convinta femminista ha ribattuto che il femminismo è libertà.
Ha fondato su Goodreads un club letterario sui temi dei diritti delle donne, Our shared shelf, in cui ogni mese viene scelto e letto un libro e poi ognuno può esprimere la sua opinione sul libro.
Ama i gatti e ne ha due!😽
LOOK DI EMMA:
PREMIÈRE DELLA BELLA E LA BESTIA A SHANGHAI
Ha indossato un vestito lungo ad effetto nude impreziosito da intrecci di seta, paillettes argentate, perline e pietre con aggiunta di mantellina. Assomiglia ad Elsa di Frozen, molto fiabesca e perfetta per il lancio del film. Voto 9
PREMIÈRE DELLA BELLA E LA BESTIA A LONDRA
Questo abito molto principesco ha troppo volume secondo me ma è molto elegante, merita un 7!
PREMÌERE DELLA BELLA E LA BESTIA A PARIGI Emma Watson indossa un abito Louis Vuitton creato da Nicolas Ghesquiere, in poliestere riciclato ottenuto da bottiglie di plastica prese e lavorate in Italia. Ottimo l'intento ambientalista, ma il vestito non mi convince, è troppo articolato. Voto 5
PREMIERE DELLA BELLA E LA BESTIA A LOS ANGELES
Questa tuta firmata Oscar De La Renta è chic e nel contempo audace. In più è azzeccata la fibbia a forma di rosa della cintura. Voto 8
PREMIÈRE DELLA BELLA E LA BESTIA A NEW YORK
Con un abito nero non si sbaglia mai e se sulla schiena svetta un fiocco che congiunge una profonda scollatura, il risultato é originale ma di classe. Voto 8