domenica 26 marzo 2017

LA VERA STORIA DELLA BELLA E LA BESTIA

Oggi pomeriggio vado al cinema a vedere il film "La Bella e la Bestia"!🎊🎉 E nei prossimi giorni scriverò la recensione!💜 Voi conoscete però l'origine delle celebre fiaba europea “La Bella e la Bestia”? Lo sapete che é tratta da una storia realmente accaduta e ambientata tra la Francia e l’Italia? Le prime tracce scritte di storie d’amore simili vengono fatte risalire alla letteratura greco-latina del II secolo d.C. con la favola di “Amore e Psiche” narrata nel celebre libro “Le Metamorfosi” (o L’asino d’oro) di “Lucio Apuleio”, Nel 1550 lo scrittore italiano Giovanni Francesco Strparola realizzò la prima versione scritta de “La Bella e la Bestia” nel suo libro di racconti “Le piacevoli notti” e si ispirò alla storia di Petrus Gonsalvus (cioè Pedro Gonzales). Chi é costui? Pedro non era un mostro non preoccupatevi, nasce a Tenerife, nelle Canarie nel 1537 con l’ipertricosi congenita generalizzata, cioè aveva un’eccessiva crescita di peluria su tutto il corpo, compreso il volto, come un licantropo insomma.
Gonzales Gonsalvus era un discendente dei Guanci sconfitti e resi schiavi dalla conquista spagnola alla fine del ‘400, e all’età di 10 anni fu inviato nei Paesi Bassi come “regalo” al potente re Carlo V d’Asburgo per la sua singolare e caratteristica peluria ma durante la traversata fu catturato dai corsari francesi e fu trasportato all’interno di una gabbia come regalo al Re di Francia (il piccolo Gonzales ha avuto una vita più avventurosa di un romanzo di Salgari!) . Per fortuna il re e sua moglie Caterina de Medici rimasero subito colpiti dal particolare ragazzo e lo ospitarono a corte. Venne istruito dai grandi maestri di corte e prese il nome di Petrus Gonsalvus. Passarono gli anni e Petrus
aveva ormai 36 anni e la regina pensò che era giunto il momento di dargli una moglie (era già abbastanza attempato per l'epoca), così gli diede in sposa Catherine Raffelin, figlia di un cortigiano e la sua più bella damigella (vedi foto, avete notato l'abito giallo?).
La giovane fanciulla svenne al cospetto di Petrus, quando venne presentata per la prima volta al nobile come sua futura moglie. Era intimorita dal suo aspetto ma cercò di andare oltre le apparenze e di apprezzare altri aspetti di suo marito. Col tempo la personalità, la sensibilità, la dolcezza e la cultura di Petrus Gonsalvus finirono per conquistare veramente il suo cuore e i due si innamorarono. Dal loro amore nacquero ben 6 figli, quattro dei quali affetti da ipertricosi.
e rappresentarono i più antichi casi di ipertricosi documentati in Europa. Tra il 1580 e il 1590, con la rovina della dinastia Valois (quella dell’allora defunto Enrico II), Petrus fu ceduto dalla corona francese all’influente famiglia parmigiana Farnese che lo riconobbe come “selvaggio gentiluomo“, così insieme alla cara moglie e ai loro figli si recò in Italia, dove soggiornò alla corte di Margherita di Parma, la figlia naturale di Carlo V, il re al quale doveva essere destinato in precedenza. Successivamente si stabilì con la sua famiglia a Capodimonte sulle sponde del Lago di Bolsena, dove nel 1618 morì all’età di 81 anni e lasciando vedova la sua Catherine dopo oltre 40 anni di vita insieme. I particolari della sua vita sono conservati nell’Archivio del Vaticano e negli Archivi di Stato di Roma e Napoli. Catherine come Belle nella famosa fiaba ha considerato la bellezza interiore più importante di quella esteriore, è andata oltre le apparenze, ha cercato l'uomo nelle Bestia.
Comunque la versione della fiaba che oggi noi consideriamo maggiormente è quella del 1740 ad opera della scrittrice francese Gabrielle-Suzanne Barbot de Villeneuve ma non dimentichiamoci della storia di Pedro Gonzales! VOI CONOSCEVATE QUESTA STORIA?

31 commenti:

  1. Cara Vanessa tanti la anno copiata questa storia facendo delle modifiche, ma l''originale è la più bella.
    Ciao e buona domenica cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione Tomaso!😊 Buon inizio di settimana sempre con il sorriso!😁

      Elimina
  2. Assolutamente no!
    Non ne sapevo niente: interessantissima e ancora più avventurosa della fiaba.
    Grazie per il post^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie 😊 sono felice che ti sia piaciuto questo post. A presto Miki!👋

      Elimina
  3. Ma va?? Ti ringrazio davvero di cuore per avermi fatto scoprire ciò! Non avevo la più pallida idea che fosse tratta da una storia vera. Sono davvero contenta di aver scoperto questa cosa :) pensa un po'.

    aishettina.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che tu abbia apprezzato il post!💖 Grazie Aisha!😘

      Elimina
  4. Non conoscevo questa storia.. davvero bella!!!

    RispondiElimina
  5. Davvero molto interessante!Io ho appena guardato la versione francese del film,di qualche anno fa(quella con Vincent Cassel),mi è piaciuta molto,vorrei vedere anche la nuova live action,peccato che c'è Emma Watson che mi sta antipaticissima O.o però sembra fatto molto bene!!!!!

    RispondiElimina
  6. *-* Non la conoscevo! Ho condiviso su G+ perché è una storia meravigliosa!
    xoxo Connor

    RispondiElimina
  7. Ciao Vanessa, conoscevo la storia, perchè ne aveva parlato qualche tempo fa una puntata da voyager! E' bello indagare sulle origini e le fonti delle fiabe, soprattutto se si basano su fatti veri, nel post :-)

    RispondiElimina
  8. Wow non avevo idea che dietro alla favola della bella e la bestia ci fosse una storia vera!
    E' una storia fantastica, molto romantica come il cartone...non vedo l'ora di leggere la tua recensione e di vedere il nuovo film!
    Vidi tempo fa quello con Vincent Cassel, molto bello, ma troppo rivisitato...mi piacerebbe che questo fosse più attinente alla storia che conosciamo!
    Un bacione!

    http://makeupstrass.blogspot.it/

    RispondiElimina
  9. Ma sai che non lo sapevo? Bello leggere questa storia ❤️

    RispondiElimina
  10. Ciao! Non conoscevo per niente questa storia!
    Ieri sera ho visto il film e mi è piaciuto moltissimo...aspetto la tua recensione!

    RispondiElimina
  11. Assolutamente no, non conoscevo, comunque è davvero una bellissima storia, per quanto riguarda il film invece non sono al momento curioso di vedere ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ami i musicalpuoi anche saltarlo, è molto cantato!😊

      Elimina
  12. Ho letto con molto piacere la vera storia della Bella e la Bestia e una favola decisamente romantica non ho visto il film ma dovrò andare baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non puoi perderti il film, è meraviglioso Babaluccia!😊 Grazie e a presto!👋

      Elimina
  13. Interessantissimo, non ne sapevo niente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere averti fatto scoprire cosa si cela dietro la fiaba!😊

      Elimina
  14. ho letto molto molto volentieri questo post, scoprendo una storia che mi è piaciuta molto, e con il quale mi sono riempita, di immenso gli occhi... bello ed interessante a dire il poco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patalice!😘 È molto bello scoprire cosa si nasconde dietro le fiabe!😊

      Elimina
  15. Non ero minimamente a conoscenza della storia vera o.O e sinceramente è stata una piacevole scoperta :D
    Ho visto da poco pure io il film e mi è piaciuto davvero tanto, l'ho trovato perfetto e giusto con i riferimenti al cartone :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me è piaciuto tantissimo il film!😍 Sto scrivendo la recensione, la pubblicherò presto!😊

      Elimina
  16. Apperò pensavo fosse una storia completamente di fantasia e invece...Ora mi è venuta ancora più voglia di andare a vederlo al cinema *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo consiglio assolutamente, è un film stupendo Luisa!😘

      Elimina
  17. Ecco fatto sono tra i tuoi lettori...e complimenti per il tuo blog.👏👏👏😊

    RispondiElimina
  18. Ciao Vanessa!
    Che bella questa storia, non la conoscevo! Io AMO il classico Disney ma mi fa piacere scoprire che è ispirata ad una storia vera. Rende tutto più magico.

    RispondiElimina