martedì 30 aprile 2019

RECENSIONE DEL FILM "RISORTO" (2016)

Che cosa si guarda per Pasqua? Ovviamente un film sulla Bibbia. Così ho recuperato su RaiUno "Risorto" di Kevin Reynolds (ecco la locandina)
che ispirandosi al Nuovo Testamento, racconta da un punto di vista "originale", quello di un tributo romano di nome Clavio agli ordini di Ponzio Pilato, cosa è successo dopo la resurrezione di Gesù. Infatti Clavio insieme al suo giovane aiutante Lucio deve assicurarsi che i seguaci di Gesù non rubino il suo corpo dichiarandone la resurrezione. Ma il corpo sparisce e Clavio dovrà cercare in tutti i modi di recuperarlo: fa dei sopralluoghi stile "NCIS" nel sepolcro ma le uniche cosa che trova sono il telo che ha avvolto Gesù (la Sacra Sindone) con la sua immagine impresa, le corde strappate che bloccavano la pietra e i sigilli fusi, interroga le due guardie che hanno sorvegliato il sepolcro e che affermano che il corpo è stato rubato, interroga chi crede che Gesù sia risorto e addirittura diseppellisce i cadaveri che sono stati gettati nelle cose comuni.
Clavio sembra quasi un detective e Ponzio Pilato il suo superiore che lo richiama continuamente per affidargli nuovi ordini. Dopo questa parte inusuale per un film biblico (tranne la morte e la crocifissione di Gesù e dei due ladroni), ci avviciniamo alla soluzione del caso e ad una seconda parte più religiosa: a condurli da Gesù (senza volerlo) sarà La Maddalena che evidentemente Clavio non conosce perché dice ad un soldato "Che lavoro fa Maddalena" e lui "Lavoro? Quale lavoro? È una donna di strada", un botta e risposta che fa inevitabilmente sorridere (all'epoca le donne non avevano un lavoro). Quando Clavio trova Gesù (o meglio Jeshua come lo chiamano gli apostoli, cioè Gesù in ebraico) le sue certezze crollano, soprattutto dopo aver osservato le ferite ai polsi inferte dai chiodi e la ferita al costato (Clavio aveva trafitto lui stesso Gesù e aveva assistito alla sua morte). Questo evento segnerà l'inizio del suo cammino verso la conversione. Poco dopo Gesù scompare e i discepoli, convinti che riapparirà in Galilea, partono alla sua ricerca con al seguito Clavio. Lì tra il miracolo della pesca dei pesci e la guarigione di un lebbroso, Clavio abbandonerà il suo scetticismo e scoprirà la spiritualità. Se la storia è raccontata da un punto di vista inedito, "Risorto" si distingue anche per la cura dei dettagli come il realismo delle scene anche se non sono violente, i costumi, i paesaggi (il film è stato girato ad Almeria in Andalusia, location dei film western, ma sembra veramente la Galilea) e per l'ottima interpretazione degli attori, Joseph Fiennes nei panni dell'ex scettico soldato romano Clavio, Peter Firth che interpreta un Ponzio Pilato molto arrabbiato ma dotato di una sottile ironia e Cliff Curtis, un Gesù "inedito" soprattutto nell'aspetto (eccolo vicino a Clavio).
Infatti tradizionalmente e nell'arte Gesù è rappresentato con gli occhi celesti, i capelli biondi e la carnagione bianca, invece nel film è moro, con gli occhi scuri e la carnagione abbronzata. Lucio, invece, interpretato da Tom Felton, il Draco Malfoy di "Harry Potter", secondo me non è adatto ad interpretare un soldato romano. Comunque il film merita di essere visto perché è diverso da tutti gli altri film sulla vita di Gesù. VOTO 7

14 commenti:

  1. Ho visto il film. Non è aderente ai vangeli e quindi è solo una storia di fantasia.
    L'unico che è riuscito a fare un film bellissimo è Pasolini.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è una storia di fantasia, comunque è un film diverso dagli altri. Ricambio l'abbraccio!

      Elimina
  2. Che poi ancora con questa storia della Maddalena che è prostituta... cosa non vera, nemmeno nella Bibbia è dichiarato ciò.
    In ogni caso, questi film così non mi piacciono; mancano del senso estetico giusto, sembrano essere tutti belli e perfetti con addosso cose fighe in stile romano...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel Nuovo Testamento Maddalena è una seguace di Gesù per altri una peccatrice come in Risorto, comunque il film è interessante anche se all'epoca vedere un centurione con il volto di Tom Felton era improbabile! :)

      Elimina
  3. Cara Vanessa, lo ho pure io visto, e questi film mi affascinano sempre.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:_)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me Tomaso!😊 Ciao e buon pomeriggio, ricambio l'abbraccio!

      Elimina
  4. Io gli ho dato un voto più basso, però sì, mi è piaciuto sufficientemente ;)
    Comunque di film simili ce ne sono tantissimi di migliori, soprattutto più vecchi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì hai ragione 😊 questo mi è piaciuto perché racconta la storia da un punto di vista inedito e quindi è diverso dagli altri film religiosi che ho visto.

      Elimina
  5. Non avevo mai sentito parlare di questo film. Mi hai incuriosita.
    Grazie per la recensione.
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver apprezzato la recensione!😊 Sono sicura che ti piacerà! Ricambio l'abbraccio!

      Elimina
  6. L'ho visto a pizzichi e bocconi e mi è discretamente piaciuto. Buon pomeriggio.
    sinforosa

    RispondiElimina
  7. Questo film non lo conosco.
    Buon 1° maggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É un film "originale" diverso dagli altri che raccontano la Resurrezione di Cristo. Buon weekend!😘

      Elimina