domenica 26 febbraio 2017

RECENSIONE "L'UOMO D'ACCIAIO" DI ZACK SNYDER

C'era una volta una ragazza che collezionava interviste sugli attori di cinema che trovava sulle riviste e che ogni volta che guardava un film scriveva le sue impressioni su un quaderno. Quella ragazza sono io e gli appunti sono diventati talmente tanti che per fortuna ho aperto un blog, altrimenti sarei dovuta uscita fuori di casa!😂 Dopo questo aneddoto su come nascono le mie recensioni, oggi vi presento il film "L'uomo d'acciaio" basato sul personaggio di Superman.
Non sono una fan di questo eroe dei fumetti, preferisco Batman, ma questa volta sono rimasta sorpresa. Innanzitutto perchè il film inizia prima che il pianeta Krypton venga definitivamente distrutto, ci mostra il padre di Superman Jor-El (uno straordinario Russel Crowe) spedire il figlio neonato Kal-El sulla Terra, suscitando la rabbia del Generale Zod. Atterrato in Kansas Kal viene recuperato dai coniugi Kent, che lo educano con amore ma molto presto però la natura aliena e potente di Clark emerge creando problemi. Il ragazzo decide di scoprire la sue origini e s'imbatte in un fantasma del passato che torna a chiedere il conto.
Non ho mai visto la storia di Clark Kent raccontata così dettagliatamente dall'infanzia all'età adulta, amo quei film che scavano in profondità nel personaggio. Poi il film è diretto da Zack Snyder (il regista di "Sucker Punch") che dipinge un film con il suo caratteristico stile cupo e dark, aggiungendo delle battaglie scatenate e spettacolari effetti speciali (ecco io avrei accorciato la scena della battaglia finale perché è troppo lunga). Un'altra novità del film è il cattivo, qui non compare Lex e per Lex non intendo il gatto che campeggia nell'intestazione del mio blog, eccolo,
(non so come mai la sua precedente proprietaria l'ha chiamato così, forse perché guardava il telefilm "Smalville") ma Lex Luthor, l'acerrimo nemico di Superman. Al suo posto c'è il perfido Generale Zod. Ottimo anche il cast, su tutti il muscoloso Henry Cavill (Superman) perfetto per questo ruolo, la rossa e tosta giornalista Loise Lane (Amy Adams)
e i due bravissimi genitori adottivi interpretati da Diane Lane e Kevin Coster (che compare nei flash-back in una sorprendente parte drammatica). "L'uomo d'acciaio" è un meraviglioso film d'intrattenimento ma anche profondo che mostra i legami padre-figlio: da una parte c'é Jor-El padre naturale che salva la vita al figlio mandandolo sulla Terra, dall'altra Jonathan Kent padre adottivo che riconosce i poteri straordinari di Clark e cerca in tutti i modi di proteggerlo finché non sarà adulto. Ora non mi resta che guardare il secondo capitolo!
VOTO 8,5

6 commenti:

  1. Film criticato da molti, bocciato da tanti, ma a me è piaciuto tanto, per cui son contento che sia piaciuto anche a te ;)

    RispondiElimina
  2. Cara Vanessa, io ho sempre amato la fantascienza e seguo con piacere questi tipi di film!!!
    Ciao e buona domenica cara amica con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Io ho guardato sia questo che il secondo, e mi sono piaciuti molto, il secondo in particolare mi ha proprio toccato...non vedo l'ora di vedere il seguito :3

    RispondiElimina
  4. Dev'essere molto interessante sinceramente non lo conoscevo non ho tempo per tenermi aggiornata con i films grazie
    un bacio

    RispondiElimina
  5. Che bel gattino, amo i gatti!! <3

    Se ti va passa da me ^_^
    http://marghediamond.blogspot.it/

    RispondiElimina
  6. lo sai che ho un vuoto, non ricordo se lo vidi o no al cinema, ma il fatto che non lo ricordo la dice lunga. è che purtroppo non è il mio genere di film preferito, però Henry Cavill è degno di nota. Quanto mi è piaciuto in "operazione u.n.c.l.e." mi piacque tantissimo quel film.

    the smell of friday ☕

    RispondiElimina