mercoledì 22 luglio 2020

RECENSIONE DELLA PRIMA STAGIONE DELLA SERIE TV "CHIAMATEMI ANNA" TRATTA DAL ROMANZO "ANNA DAI CAPELLI ROSSI" DI LUCY MAUD MONTGOMERY

Non ho mai visto l'anime giapponese "Anna dai capelli" trasmesso per la prima volta nel 1979, però so che non è considerato un cartone animato molto allegro. Nonostante ciò ero curiosa di guardare "Chiamatemi Anna" anche perchè basato principalmente sul romanzo "Anna dai capelli rossi" di Lucy Maud Montgomery e dopo aver letto su Instagram e qui sul blog i vostri messaggi che mi consigliavano assolutamente di non perdere questa serie, ho guardato tutti e sette gli episodi e ora sto guardando la seconda stagione su Rai 2.
Dopo aver trascorso la propria infanzia all'orfanotrofio e da alcune famiglie che la maltrattavano e la picchiavano, la tredicenne Anna (interpretata da Amybeth McNulty, che oltre ad essere perfetta per il ruolo è anche bravissima) viene mandata per errore a vivere con gli anziani fratelli Marilla e Matthew Cuthbert che hanno chiesto un aiutante maschio per lavorare nella fattoria e nei campi. Dopo un’iniziale diffidenza nei confronti di Anna, i due cominceranno a conoscerla meglio e la bambina cambierà per sempre le loro vite. La particolarità di Anna, oltre ai capelli fiammeggianti che lei detesta, sempre raccolti in due trecce, è la sua parlantina fluente, parla tantissimo, a macchinetta, sotto gli sguardi esterrefatti dei Cuthberth e di noi telespettatori soprattutto nella prima puntata che dura un'ora e mezza (se superate quell'episodio, poi gli altri si guardano senza problemi). Complimenti alla doppiatrice di Anna!
Infatti la ragazzina inventa dei lunghissimi e velocissimi monologhi sia allegri che drammatici sugli oggetti che vede, sui paesaggi che ammira, sui suoi stati d'animo ("Preferisco immaginare che ricordare" dice Anna), in orfanotrofio leggeva tantissimo e quindi s'immedesima anche in alcuni personaggi letterari come la principessa Cordelia creata da Shakespeare, Jane Eyre: è il suo modo di evadere dalla dura realtà in cui ha vissuto. Per questa sua straordinaria immaginazione e per la sua diversità spesso non viene compresa, soprattutto dai suoi compagni di scuola e quindi piange una puntata sì e l'altra pure, però ci sono anche delle scene divertenti che stemperano la drammaticità della serie. Nonostante le difficoltà, Anna riuscirà sempre a rialzarsi grazie al suo ottimismo e farà amicizia con la ricca Diana Barry (Dalila Bela)
e con Gilbert Blythe (Lucas Jade Zumann), il ragazzo più carino e corteggiato della scuola, oltre ad essere anche il più studioso insieme a lei, che l'accettano con i suoi pregi e i suoi difetti.
Ottima la sceneggiatura che affronta temi ancora oggi attuali come la scoperta dell'identità sessuale (Josephine, l'anziana zia di Diana Barry, ha vissuto la sua vita insieme ad una donna, "l'unica persona che abbia mai amato"), l'accettazione di s'è stessi, il bullismo, il femminismo, realistici i personaggi che sono interpretati tutti da attori bravissimi, bella la fotografia, meravigliosi i paesaggi del Canada. Non ho trovato un difetto in questa prima stagione, mentre nella seconda ho già trovato due personaggi insopportabili (i due fattori\ladri), ma ne parlerò più avanti. 😊

20 commenti:

  1. Thanks for your sharing 😊 I love this story but I did'nt look TV series...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I understand! Thank you for comment on my blog! 😊

      Elimina
  2. An episode story is like a football game that starts today and ends after a month. It is abnormal, the thing.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa serie è composta solo da sette episodi, pensa che ci sono serie formate da 22 episodi!

      Elimina
  3. Risposte
    1. Scusi, cara Stefania! I voglio dire "Io penso...".

      Elimina
    2. Non ti preoccupare per l'errore, ho capito lo stesso. 😊 É una serie molto interessante "Chiamatemi Anna"!

      Elimina
  4. Anche io sto seguendo con fervore le vicende della dolce Anna. Sono già giunta alla secondo stagione, e mi spiace solo non averlo visto prima ☺️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io avrei voluto vederla prima ma non sono abbonata a Netflix, per fortuna la stanno trasmettendo su Rai 2! 😊

      Elimina
  5. Non mi piaceva il cartone, figuriamoci vedere la serie tv.

    RispondiElimina
  6. Vanessa,
    Qui sto conoscendo il tuo spazio sul web.
    Mi sono piaciute molto le recensioni della serie, tu scrivi con saggezza e dedizione.
    Tornerò più spesso.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto sul blog e grazie mille, mi fa molto piacere che apprezzi le mie recensioni. Grazie anche per il follow, passo sul tuo blog! :)

      Elimina
  7. I haven't watched this series before, but it sounds like something I'd enjoy watching xo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I absolutely recommend to watch Anne with an "E"! :)

      Elimina
  8. Io l'ho già vista tutta su Netflix, ed è diventata una delle mie serie preferite in assoluto!
    Intelligente, interessante, delicata e con costumi e fotografia meravigliosi!!!
    Peccato solo che l'abbiano terminata un pò di corsa perchè secondo me ci sarebbe stato materiale per almeno un'altra stagione (poi quando arriverai l'ultima stagione vedrai), ma va bene anche così! :)
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace tantissimo, hanno fatto una petizione per rinnovare la serie, speriamo bene! ✌😊

      Elimina
  9. Ciao Vanessa, io da piccola seguivo il cartone e mi piaceva molto, l'anno scorso ho seguito la serie e anche quella mi è piaciuta, anche se più va avanti più si discosta dall'anime, comunque mi fa piacere che la stai gradendo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì mi sta piacendo molto! :) Il cartone animato non l'ho mai visto invece.

      Elimina